Serie B: verdetti finali

 

L’ultima giornata di Serie B ha regalato moltissime emozioni e tantissimi verdetti, a cominciare da quello più importante: dopo 6 anni l’Empoli torna in Serie A. A regalare questo traguardo agli azzurri toscani ha contribuito anche il Pescara, precisamente Di Francesco autore di un autogol su cross di Eramo. Il sigillo all’impresa è stato impresso da Ciccio Tavano che, insieme a “Big Mac” Maccarone, è il grande protagonista di questa squadra che già lo scorso anno aveva compiuto un’impresa riuscendo ad arrivare ai play off nonostante una partenza disastrosa di campionato (4 punti in 9 giornate). L’Empoli era reduce da una salvezza conquistata negli ultimi minuti del play out di ritorno e sembrava che la nuova stagione sarebbe stata contraddistinta da altre sofferenze, ma in realtà la squadra di Sarri ha messo le basi per la Serie A finalmente raggiunta.

La maglietta celebrativa della promozione, indossata subito dopo il triplice fischio finale, sintetizza in poche parole la filosofia dell’Empoli: “con poco si fA Tanto”. Il bilancio sempre positivo e il salary cup sempre rispettato sono la conferma di questo modo pulito (e redditizzio) di fare calcio.

Dietro il meritato secondo posto dell’Empoli si stagliano due squadre che nei play off partiranno direttamente dalle semifinali, cioè Latina e Cesena, ieri sera entrambe fermate sullo 0-0 da Spezia e Modena, altre due squadre che ritroveranno negli spareggi promozione. Insieme a loro Crotone e Bari partiranno dal faccia a faccia nel preliminare play off per decidere chi raggiungerà gli scontri di andata e ritorno dove fondamentale sarà anche la posizione finale di classifica.

Il Crotone conquista il sesto posto grazie al pareggio per 0-0 al Renzo Barbera di Palermo, in una partita che ha regalato poche emozioni ma che ad entrambe ha riservato un record: il Palermo diventa la squadra di Serie B che ha conquistato più punti nella storia del campionato cadetto (86), mentre il Crotone raggiunge i play off promozione per la prima volta nella sua storia.

Il Bari ottiene il settimo posto grazie ad una super rimonta nel secondo tempo che ribalta il vantaggio del Novara con Gonzalez. Tra il 17° e il 41° della ripresa il ciclone Bari, sospinto dai 50 mila del San Nicola, ribalta la gara e porta ai play off una squadra in condizioni di forma strepitose e che promette di mettere tutte in difficoltà negli spareggi, proprio a partire dal Crotone nel preliminare. Si parte martedì con le gare secche tra Crotone-Bari e Modena Spezia: niente rigori in caso di supplementari ma passa il turno chi si è classificata meglio nella regular season.

Rimangono fuori dai play off il Siena (sconfitto a Varese 2-0 e con l’occasione del pareggio su rigore fallita da Rosina), il Lanciano (0-0 in casa con il Cittadella) e l’Avellino (sconfitto 2-1 a Padova).

Nelle zone basse della classifica il Cittadella raggiunge anche questa stagione la salvezza grazie al punto a Lanciano, mentre ai play out ci sarà la sfida tra Varese e Novara, con la possibilità per i biancorossi di salvarsi anche con due pareggi.

Si parte, quindi, martedì con i preliminari play off a cui seguirà l’andata del play out venerdì alle 20:30. Il campionato è finito ma le emozioni ancora no.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here