Serie B 2014-15: terza giornata

Come ogni weekend, la Serie B regala tanti gol e tante emozioni.

Il terzo turno parte di venerdì a Pescara con l’anticipo tra i padroni di casa e il Bologna di Lopez, reduce da un deludente avvio di campionato. I rossoblu partono con Acquafresca e Cacia di punta e al minuto 28 del primo tempo arriva il vantaggio: da una rimessa laterale giunge palla a Buchel che dai 25 metri, vedendo Fiorillo fuori porta, infila un sinistro sotto l’incrocio dei pali.

Dopo soli due minuti arriva il raddoppio: Laribi serve l’accorrente Acquafresca che ritorna al gol dopo ben 30 mesi di digiuno. Chiude il tris del primo tempo Casarini, che con un tiro a giro fissa il risultato sul 3-0. Nella ripresa però c’è la reazione biancoazzurra, con Salamon e prima e Maniero su rigore poi che rendono l’ultimo quarto d’ora di gara emozionante, ma Ceccarelli blinda su Politano i tre punti bolognesi che chiudono un digiuno di vittorie che durava in casa rossublu da Marzo.

Le gare del Sabato hanno invece visto la splendida vittoria casalinga del Perugia contro un declinante Catania. Per la squadra di Camplone è la terza vittoria su tre gare di B, riuscendo ad avere la meglio in una gara difficile. Il Catania del primo tempo è nullo in attacco, con Provedel spettatore non pagante. Nel secondo tempo il Catania cambia poco e sale sugli scudi Taddei, che prima vede un suo bolide deviato da Anania sul palo e poi si presenta sul dischetto a finalizzare il rigore conquistato per mani in area di Capuano. Dagli undici metri, però, l’ex romanista sbaglia e così la gara sembra destinata a finire in parità, ma Del Prete mette al centro una palla che Falcinelli riesce ad anticipare di testa. La palla, nonostante il tocco di Anania, finisce in rete e così, tranne che per un’occasione di Martinho, il Perugia porta in scioltezza tre punti fondamentali. A Catania nel frattempo si cambia: in panchina arriva Sannino.

Il Modena porta a casa la prima vittoria stagionale in extremis, con la rete al novantesimo del Diablo Granoche: Novellino respira grazie a questi tre punti, ma per il Modena c’è ancora tanto da migliorare. La Pro Vercelli si rammarica per il punto perso, soprattutto considerando che era riuscita a resistere fino alla fine in dieci contro undici.

Il Brescia si rialza sul campo dell’Entella dopo le precedenti due sconfitte che avevano siglato il peggior inizio di campionato degli ultimi 25 anni per i bianco azzurri. La rete che decide l’incontro a favore del Brescia nasce dall’errore di Rinaudo che, su azione di calcio d’angolo, rimette la palla verso il proprio portiere, permettendo a Di Cesare di realizzare il più comodo dei gol da pochi passi.

Frosinone-Bari regala una partita ricca di emozioni, con il Bari che si schiera in pratica con un difensivissimo 5-3-2 che lo porta ugualmente in vantaggio: Donati, lasciato solo al limite dell’area, realizza con una cannonata sul primo palo. Prima di questa rete il Frosinone era andato più volte vicino al vantaggio, ma prima Donnarumma e poi il difensore Ligi avevano impedito il vantaggio ciociaro.

Nel secondo tempo il Bari rinuncia a giocare e rischia di portare anche in questo modo i tre punti a casa, ma Paganini proprio nell’ultimo secondo del recupero rimette le cose a posto impattando il risultato.

Il Trapani si porta al secondo posto in classifica dopo la bella vittoria contro il Cittadella, regolato per 2-1 grazie alle reti di Mancosu e Lombardi che rispondono al momentaneo vantaggio ospite siglato da Coralli. Lombardi, diciannovenne appena entrato, sigla dopo dieci minuti questa vittoria importante.

Il Crotone spreca e pareggia 1-1 contro il Carpi: al vantaggio iniziale di Ciano su punizione segue l’espulsione rossoblu di Minotti. Nonostante l’inferiorità numerica, il Crotone va vicino al raddoppio con Beleck, ma il giocatore crotonese fallisce clamorosamente e sul ribaltamente di fronte c’è il pari di Poli in mischia.

Altro 1-1 tra Varese e Lanciano: al vantaggio ospite di Vastola risponde Neto Pereira nella ripresa. Pari senza reti tra Avellino e Spezia, con i bianconeri che falliscono con Ardemagni il rigore della possibile vittoria.

La Ternana vince 1-0 sul campo del ripescato Vicenza, mentre Livorno-Latina finisce 1-1

La classifica vede il Perugia capolista a punteggio pieno, inseguito dai 7 punti del Trapani e della Ternana. Quarto posto per Carpi e Lanciano a 5 punti. Dietro chiude la graduatoria il nostro Crotone con un solo punto.

Prossimo turno:

Venerdì 19 settembre

CARPI-TRAPANI, ore 19

SPEZIA-ENTELLA, ore 21

Sabato 20 settembre

BARI-LIVORNO, ore 15

BOLOGNA-CROTONE, ore 15

BRESCIA-TERNANA, ore 15

CATANIA-MODENA, ore 15

CITTADELLA-PESCARA, ore 15

LANCIANO-FROSINONE, ore 15

LATINA-AVELLINO, ore 15

PERUGIA-VICENZA, ore 15

PRO VERCELLI-VARESE, ore 15

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here