Serie A 2014-15: Top & Flop 25° giornata

Letture: 1633

Top:

Mattiello: Personalità, corsa, cambio di passo, capacità di giocare con entrambi i piedi.Un classe 95 di valore. Salva la sua porta da un gol praticamente già fatto.

Toni: Decimo centro in campionato, decisivo in un importante scontro salvezza. Solito sacrificio, solita abilità nel difendere la palla, solito punto di riferimento offensivo.

Felipe Anderson: Decisivo. Apre il match con un gioiello dalla distanza, poi serve l’assist per il 2-0 e il 3-0 parte dal suo tiro.

Sorrentino e Sepe: Il primo è stato strepitoso sul doppio tentativo confezionato dalla coppia Maccarone-Tavano, mentre il secondo stravince il duello con Dybala.

Rodriguez: Quarto gol stagionale, anche questa volta da subentrato. Gli bastano nove minuti per insaccare di testa su assist di Brienza.

Muriel: Ripresa da “scatenato”. Sfiora il gol da fermo e in rovesciata e al terzo tentativo trova la rete bellissima del pari.

Salah: Il terzo gol consecutivo in campionato vale lo scalpo di una diretta concorrente su un campo che poche volte ha sorriso ai viola. Negli ultimi cinque gol della Fiorentina c’è sempre il suo zampino.

Glik: Altro gol stagionale su specialità della casa, il colpo di testa ad anticipare tutti. Sfiora ben altre due reti e per Higuain non c’è scampo. Simbolo di una squadra che vola.

Tevez: Gara di sacrificio con poche palle giocabili, ma trova l’attimo che decide il campionato: smarca Vidal che subisce il fallo dal quale nasce l’espulsione di Torosidis e la punizione che l’argentino trasforma in gol. E’ la rete tricolore.

Flop:

Menez: Non ha voglia di giocare e si vede. Uomo in meno.

Cop: Mezz’ora di nulla assoluto. Inesistente.

Sansone: Assolutamente inesistente. Lascia il Sassuolo senza le sue grandi folate offensive.

Saponara: Va ad intermittenza. Quando si accende è un pericolo per gli avversari, ma contrariamente alle ultime uscite non è sempre nel vivo del gioco.

Di Natale: Soltanto un tiro dai 40 metri finito a lato.

Sportiello: Già impreciso nelle uscite alte, sbaglia la facile presa che condanna l’Atalanta ad una nuova sconfitta.

Handanovic: Altro portiere in giornata no. Sui cross di Pasqual va ripetutamente in difficoltà denotando insicurezza, cosa non da lui.

Strinic: Schiacciato da Bruno Peres, si perde Glik nel momento che decide l’incontro.

Torosidis: Con due entrate su Vidal lascia i suoi in dieci. Per fortuna sua e dei giallorossi, però, l’espulsione da la scossa ai lupi.