Torino, ottima la prima!

 

Ottima la prima! Il debutto europeo del Torino, a ben 12 anni dalla sua ultima apparizione fuori dai confini nazionali, si conclude con un secco 3-0 in trasferta ai danni del Brommapojkarna, che dal basso del suo ultimo posto in classifica conferma la sua mediocrità andando a perdere in modo netto persino contro un Torino imbottito di riserve (tantissime le assenze: Avramov, Basha, Cerci, Darmian, Farnerud, Maksimovic e Quagliarella). Grandissima la prova del Toro, con le prestazioni esaltanti di Glik (pilastro difensivo) e dei due ex Juve Molinaro e Nocerino, acquisti solidi, di esperienza e leadership.

Da mettere in risalto anche la prova di Barreto e Larrondo, autori delle tre reti decisive. Unico neo della gara l’espulsione di Vives ma per il ritorno di giovedì prossimo non dovrebbero esserci problemi. La gara d’andata, a cui hanno partecipato pochissimi spettatori, ha visto i granata partire meglio e andare vicini al vantaggio con Larrondo e Molinaro, fino a quando nel minuto finale della prima frazione Segerstrom ha fermato con un fallo da rigore (e conseguente cartellino rosso) Barreto lanciato in area. Dal dischetto Larrondo non ha sbagliato e così i granata sono andati in vantaggio alla fine della prima frazione di gioco.

In undici contro dieci la gara si è messa sul binario più semplice possibile per il Toro e ad inizio ripresa Nocerino, con una testata a centro area, ha servito a Larrondo il gol del 2-0. Cinque minuti dopo è Molinaro, sfruttando uno schema su punizione, a servire a Barreto il comodo 3-0 che ipoteca il passaggio del turno e l’accesso ai play off che decideranno l’entrata o meno del Toro ai tabelloni principali di Europa League.

Così la palla passa dal campo agli uffici del calciomercato: il futuro di Cerci è in ballo e dalla permanenza o meno del giocatore dipenderà molto del destino europeo (e non solo) del Toro. Un’alta gara, insomma, da non perdere.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here