Liuteria bisignanese, orgoglio calabrese

Letture: 3789

L’arte della liuteria: i maestri De Bonis

liutai1Lunedì 9 maggio, gli studenti delle classi prime e terze dell’Istituto Comprensivo Enzo Siciliano, si sono recati nel quartiere Giudecca per  visitare l’antica bottega dei maestri liutai De Bonis. All’interno sono custodite chitarre e altri strumenti a corda, costruiti da Vincenzo e Nicola De Bonis, insieme a vari stampi risalenti al ‘700. Tante sono anche le foto e i vari documenti storici che ritraggono le tappe più importanti della loro vita. È sconosciuto come gli avi dei due maestri siano arrivati a Bisignano, ma si sa che si insediarono nel quartiere  Giudecca e che diedero inizio a una dinastia di liutai. Inizialmente lavorarono alla corte dei  Sanseverino grazie alla quale si fecero pian piano conoscere in tutta la Calabria. I loro strumenti erano destinati  quindi alla nobiltà, ma una volta che i Sanseverino lasciarono Bisignano, presero il sopravvento tra tutto il popolo.  Nicola e Vincenzo si impegnarono nella produzione di chitarre battenti e diedero il loro contributo per la realizzazione della tipica  chitarra classica italiana.  de bonisNicola ebbe la sua massima espressione in una chitarra, definita da lui come una signora in abito da sera, perché raffinatissima grazie a degli intarsi di madreperla. Dopo la sua morte il fratello Vincenzo portò avanti il nome dei De Bonis in tutto il mondo, e si dedicò particolarmente  alla realizzazione di chitarre classiche. Oggi questa tradizione bisignanese vede protagonisti la nipote dei due maestri, Rosalba De Bonis, e altri giovani liutai, che hanno invitato i nostri ragazzi ad approfondire la conoscenza di quest’arte insieme alle loro famiglie.

Lorenza Scotti, Simone Caputo, Samuele Donadio, Luigi, Rania, Andrea Marchese

III B liceo

leggi anche: http://www.bisignanoinrete.com/gli-studenti-delliis-siciliano-nel-mondo-magico-dei-maestri-liutai-di-bisignano/

http://www.bisignanoinrete.com/i-liutai/

http://www.bisignanoinrete.com/il-maestro-liutaio-de-bonis-omaggia-la-cittadinanza-bisignanese/