Il punto sul calcio estero (14-11-14)

INGHILTERRA:

L’imbattutto Chelsea di questa stagione (17 gare senza sconfitte) continua la sua marcia inarrestabile in Premier tornando da Liverpool con una vittoria fondamentale e storica, perchè per la prima volta nella sua storia i blues vincono per due anni consecutivi ad Anfield.

Gli uomini di Mourinho hanno il merito di non abbattersi dopo il vantaggio rosso siglato da Emre Can in collaborazione con la deviazione di Cahill ed è proprio il difensore inglese a pareggiare i conti ribattendo in rete una respinta corta di Mignolet sulla zuccata di Terry. Da apprezzare la tecnologia che ha aiutato nettamente l’arbitro: otto telecamere per ogni porta permettono in Inghilterra di decretare in un secondo se la palla ha superato o meno la linea di porta.

Nella ripresa un deludente Liverpool (errori in serie ed ennesima prestazione negativa di Balotelli) è stato messo alle corde dal Chelsea che trova meritatamente il vantaggio al minuto sessantasette con Diego Costa, sempre più capocannoniere di questa Premier.

I blues volano a più otto sul City, principale rivale alla lotta il titolo, grazie al Qpr che impone il pari agli uomini di Pellegrini. La doppietta di Aguero non porta alla vittoria un City andato due volte sotto anche a causa di un’autorete di Demichelis. Adesso i campioni in carica si vedono davanti anche il Southampton, vera e propria sorpresa di questa stagione europea, a soli quattro punti da Mourinho. Koeman sta facendo davvero un ottimo lavoro.

SPAGNA:

Comandano Ancelotti e il suo Real in Spagna, che al cinquecentesimo giorno da allenatore dei blancos travolge il Rayo nel derby di Spagna con un sonoro 5-1. A segnare è il solito Cristiano Ronaldo, che raggiunge l’incredibile quota di 18 reti in 11 giornate di campionato e allunga la sua striscia positiva al Bernabeu: nel suo stadio segna da sedici partite consecutive.

Il suo gol è però solo l’ultimo del match, perchè prima ci pensano Bale, Sergio Ramos, Kroos e Benzema a decretare la terza sconfitta consecutiva dei cugini poveri dei blancos.

Dietro i blancos rinasce il Barca, che sotto in casa dell’Almeria riesce a recuperare il risultato nel quarto d’ora finale grazie ad una strepitosa prestazione di Suarez. L’ex Liverpool disegna due splendidi assist che Neymar e Jordi Alba non falliscono, riportando i catalani in scia al Real (-2).

Il Valencia e il Siviglia pareggiano in casa, ma peggio fa l’Atletico Madrid del Cholo Simeone, sconfitto in rimonta dopo la rete di Mandzukic che aveva aperto il confronto. Adesso il terzo posto è del Valencia (24), mentre i campioni in carica e il Siviglia occupano entrambe la quarta posizione con i loro 23 punti.

FRANCIA:

Nel big match di giornata tra la capolista Marsiglia e il Psg vincono i parigini che al Parco dei Principi hanno la meglio sugli uomini del Loco Bielsa. In una bellissima e combattuta gara decidono le reti di Lucas e Cavani, permettendo a Blanc di riportarsi a meno uno dai rivali.

Il ritorno in campo di Ibrahimovic e il suo recupero dall’infortunio che lo ha tenuto fuori dai campi da gioco per diverse settimane può essere il fattore decisivo in questa lotta, con lo svedese e Gignac pronti a contendersi il trono di Francia a suon di gol. Ma attenzione, perchè dietro ad un solo punto dai parigini c’è il Lione vincente contro il Guingamp, mentre Bordeaux e Nantes sono distanziati dalla vetta di soli 4 e 5 punti. Classifica molto corta, spettacolo garantito.

GERMANIA:

Il solito travolgente Bayern spazza via il Francoforte con un netto 4-0 firmato Muller, il tedesco che fa parlare sempre con i suoi grandi numeri. Nel Bayern ha realizzato 108 reti e 94 assist: numeri da non sottovalutare assolutamente. La squadra di Guardiola raggiunge così il diciassettesimo risultato utile consecutivo, condito anche dalla rete di Shaqiri.

Dietro il Borussia Moenchengladbach fallisce la possibilità di riportarsi a quattro punti dai campioni in carica perdendo contro l’altro Borussia, il Dortmund, al Westfallenstadion. I gialloneri lasciano così l’ultimo posto in classifica grazie all’autorete di Kramer. Chi mantiene il distacco invariato dal Bayern (-4) è il Wolfsburg, che supera l’Amburgo 2-0 e raggiunge la sesta vittoria consecutiva.

Lo Shalke di Di Matteo va incontro alla seconda sconfitta di fila: 2-0 a Friburgo dopo il 4-2 di Lisbona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here