Malvito e quel pasticcio di deleghe …

Letture: 480
R&B Sport

Malvito (CS), Gruppo Consiliare “CambiAmoMalvito” : “Palazzo Ariani e il rimpasto della vergogna.”

Questa mattina, sull’albo pretorio del Comune di Malvito, è apparso il decreto di revoca dell’ Assessore Gustavo Guaraglia e nuova nomina del Capogruppo di maggioranza, Sonia Paletta.
Da quanto emerge dal decreto, i motivi che hanno mosso il Sindaco Amatuzzo a revocare l’Assessore Guaraglia sarebbero i seguenti:
Mancato rispetto del programma enunciato in campagna elettorale alla popolazione e mancato raggiungimento degli obiettivi. Una gran faccia tosta dopo solo quasi un anno e mezzo di mandato, non fosse altro che, in questo arco temporale, non sono state conferite neanche le deleghe, importante istituto di indirizzo politico nell’ attività amministrativa di un ente. Come risaputo, l’assessore Guaraglia, è un uomo proveniente dal mondo delle forze armate ed è davvero impensabile che si sia sottratto ad impegni verso la comunità che ha deciso di rappresentare accettando la candidatura e che lo ha visto tra i primi degli eletti nella competizione elettorale. In realtà, il “casus belli” che avrebbe portato alla revoca assessorile sarebbe stata la sua astensione esplicitata nell’ultimo Consiglio Comunale, non per motivi politici ma a causa di un mancato parere tecnico, non pervenuto dal Segretario Comunale in sede consiliare, venendo meno al principio consultivo sancito dall’art.97 TUEL. Parere richiesto anche dall’opposizione e più volte ribadito dal Consigliere Fausto Amatuzzo nel corso dell’assise riunita in sede di deliberazione.
Ma il pastrocchio non termina quì, in quanto, a subentrare nel nuovo esecutivo della Amministrazione Amatuzzo, è l’ avvenuta (ri)nomina della signora Paletta che rifiutò la prima nomina assessorile ben un anno e mezzo fa “per impegni personali.” E come ribadito anche nella prima seduta di Consiglio Comunale, dalla Capogruppo di opposizione, Francesca Rosa D’Ambra : la signora Paletta rifiutando l’assessorato e procedendo alla nomina di una giunta mono-genere si veniva meno al rispetto delle quote rosa e all’ equilibrio di genere garantito dalla legge e dai principi Costituzionali.
In sintesi, si percepisce che nella vita politico-amministrativa del bel borgo malvitano gli assessorati vanno a convenienza e una pubblica astensione, in sede consiliare, può costare molto caro.
Francesca Rosa D’Ambra
Capogruppo “CambiAmoMalvito”