Vettel, è veramente il suo anno?

Letture: 2594

Sebastian Vettel conquista il GP del Belgio e centra la 52esima vittoria in carriera. Il pilota tedesco della Ferrari, trionfa davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton e alla Red Bull di Max Verstappen. Un GP dominato dalla rossa di Maranello dopo le delusione di Hockenheim e Budapest. La pausa estiva ha rigenerato il team di Maranello. La Ferrari di Spa-Francorchamps non ha avuto rivali. La strategia perfetta e l’acuto di Vettel tingono di rosso il GP del Belgio. La gara della Ferrari parte subito in discesa per Vettel, che alla partenza, prima affianca la Mercedes di Hamilton, poi lo supera infilandolo a Les Combes. Da qui ha inizio la gara impeccabile del tedesco, che giro dopo giro, ha distaccato la Mercedes numero 44, sino al vantaggio finale di oltre 11 secondi. I secondi di vantaggio che Vettel ha guadagnato su Hamilton sulla linea del traguardo, sono una prova di forza in vista del GP di Monza. Il distacco di Vettel in classifica si riduce da -24 a -17 lunghezze. Un ritardo che Vettel proverà a ridurre nel GP di casa in programma tra una settimana. Paura per Fernando Alonso. La Mclaren del pilota spagnola fa appena in tempo a vedere il semaro spegnersi, quando viene centrato dalla Renault di Hulkenberg. La McLaren di Alonso decolla sopra la Sauber di Leclerc – fortunatamente illesi i piloti – innescando una carambola che coinvolge la Ferrari di Raikkonen e la Red Bull di Ricciardo. I commissari mandano in pista la safety car, mentre Raikkonen e Ricciardo sono costretti al rientro ai box. Raikkonen rientra per una foratura alla gomma posteriore, Ricciardo per sostituire l’ala posteriore. Entrambi i piloti però, sono costretti al ritiro, con il finlandese che abbandona la gara nel corso del 9° giro, il pilota australiano durante il 31° giro. Ottima la prestazione in gara di Valtteri Bottas che giunge ai margini del podio dopo la partenza in ultima posizione. In quinta e sesta posizione giungono le Racing Point Force India di Perez e Ocon. Tra sette giorni si torna in pista per il GP più atteso della stagione.

GP Belgio, Spa-Francorchamps, 7.004km, 44 giri, 308,052km totali.

Griglia di partenza

1 L. Hamilton (Mercedes) 1’58″179 2 S. Vettel (Ferrari) 1’58″905, 3 E. Ocon (Force India) 2’01″851 4 S. Perez (Force India) 2’01″894, 5 R. Grosjean (Haas) 2’02″122 6 K. Raikkonen (Ferrari) 2’02″671, 7 M. Verstappen (Red Bull) 2’02″769 8 D. Ricciardo (Red Bull) 2’02″939, 9 K. Magnussen (Haas) 2’04″933 10 P. Gasly (Toro Rosso) 1’43″844, 11 B. Hartley (Toro Rosso) 1’43″865 12 C. Leclerc (Sauber Alfa Romeo) 1’44″062, 13 M. Ericsson (Sauber Alfa Romeo) 1’44″301 14 C. Sainz (Renault) 1’44″489, 15 F. Alonso (McLaren) 1’44″917 16 S. Sirotkin (Williams) 1’44″998, 17 L. Stroll (Williams) 1’45″134 18 S. Vandoorne (McLaren) 1’42″307, 19 V. Bottas (Mercedes) 1’42″191 penalità per sostituzione motore 20 N. Hulkenberg (Renault) 1’44″145 penalità per sostituzione motore.

Ordine d’arrivo

1 S. Vettel 1h23’34″476, 2 L. Hamilton +11″061, 3 M. Verstappen +31″372, 4 V. Bottas +1’03″605, 5 S. Perez +1’11″023, 6 E. Ocon +1’19″520, 7 R. Grosjean +1’25″953, 8 K. Magnussen 1’27″639, 9 P. Gasly +1’45″892, 10 M. Ericsson +1 giro, 11 C. Sainz +1 giro, 12 S. Sirotkin +1 giro, 13 L. Stroll +1 giro, 14 B. Hartley +1 giro, 15 S. Vandoorne +1 giro.

Classifica piloti

L. Hamilton 231, S. Vettel 214, K. Raikkonen 146, V. Bottas 144, M. Verstappen 120, D. Ricciardo 118, N. Hulkenberg 52, F. Alonso 44, K. Magnussen 49, S. Perez 40, E. Ocon 37, C. Sainz 30, R. Grosjean 27, P. Gasly 28, C. Leclerc 13, S. Vandoorne 8, M. Ericsson 6, L. Stroll 4, B. Hartley 2.

Classifica costruttori

Mercedes 375, Ferrari 360, Red Bull 238, Renault 82, Haas 76, McLaren 52, Toro Rosso 30, Sauber 1, Williams 4, Racing Point Force India 0.

Prossimo appuntamento 2 settembre GP d’Italia – Monza.

Massimiliano Aquino