Tutti al mare e mostrar le chiappe chiare

albdl-e-300x225 Tutti al mare e mostrar le chiappe chiare

Bisignanesi – e sì, proprio così, questa mattina tutti al mare. Percorrendo le vie principali del paese si ha l’impressione di trovarsi in un luogo fantasma: saracinesche abbassate, parcheggi vuoti, pochissime persone in giro, qualche solitario davanti al bar.

Una macchina, stracarica di ogni cosa, irrompe nel parcheggio del supermercato, non si capisce bene che cosa trasporti, ma non appena aperti gli sportelli ecco spuntare fuori, come le formiche, gente in costume da bagno, bambini imbrattati di yogurt, secchielli da mare, provviste, sedie, teli da spiaggia e ombrelloni.

Un uomo grasso, incazzato e incline al vaffa, con un grosso telefono attaccato all’orecchio, impegnato con una mano a rialzarsi i calzoni che gli erano scivolati a mezza chiappa, accaldato come un porcello, scende dall’utilitaria e si rivolge alla moglie dicendo:

‘I chiudi i porti da machina ca c’è l’aria condizionata appicciata?

All’uscita dal negozio, la donna segugio, con al seguito due figlioletti strillanti, spinge il carrello asciugandosi i sudori della fronte, la sua stazza fisica non è per la stagione estiva, disturbata dal vedere il marito ancora attaccato a quel maledetto cellulare, inveisce contro di lui e tutti i Santi, promettendosi di andare al mare ma riservandosi di fare i conti col “porco” appena raggiunta la spiaggia.

«Se dovevi parlare tutto il giorno al telefono con quella zoccola perché sei venuto al mare con noi”? Potevi restare benissimo a casa, stronzo, magari con quella P. di tua madre. Ma chini ma’ fatta fari a mi spusari cu’su purcu»!

Una scena che ricorda molto le commedie all’italiana del maestro Verdone.

Mentre l’afa fa registrare trenta gradi all’ombra, già verso le nove, in un bar del campo sportivo si svolge un’altra stravagante sceneggiata:

Il cliente:

Buongiorno paisà! Un caffè per favore, ca ancora ‘u mì puozzu ripigliari da’pica d’ieri sira!

La risposta del barista non si fa attendere:

Paisà nu’ cazzu, ca’ieri sira tinni si’jutu senza pagari!

Non vi venisse in mente di invitare una giovane donzella a far la prima colazione in quel bar di Bisignano e in una desertica domenica di luglio, il rischio è quello di udire tante di quelle parolacce da riempire una stanza intera.

Una scena mai vista che rivive in tutto lo squallore di un locale di tamarri. Insomma, una scena molto rustica dalla quale uscire in punta di piedi per entrare in un altro bar, magari più idoneo dal punto di vista del linguaggio.

Scene da brivido e con la consapevolezza di vivere nel paese del Sant’Umile, in cui, per fortuna, esistono anche dei locali pubblici degni della riconosciuta licenza, dove incontrare la cortesia, la qualità del servizio, il buon prezzo e soprattutto non incorrere in ubriaconi e gestori scostumati.

E non finisce qui!

Un altro giro per il paese in macchina e poi ecco lungo la strada il camion dei cocomeri attorniato come un carretto di gelati.

Dalla folla una voce s’innalza su tutte:

Il melone più grosso tocca a me, l’ho visto prima io!

In lontananza un altro personaggio baffuto risponde:

Se l’hai visto prima tu, allora, io vado a comprarlo da un’altra parte!

Incredibile ma vero, sembravano degli assatanati in procinto di assaltare il negozio ambulante dei cocomeri. Tarantolati dalla frenesia di arrivare al mare prima di mezzogiorno si dimenavano fra loro alla conquista dell’anguria più grossa, mentre sul retro del camion due panciuti affondavano la loro faccia in una grossa fetta di melone, alle nove circa del mattino, sbavandosi i vestiti sotto gli occhi delle mogli seccate da cotanta voracità.

Arrisimigliati due purciddi  aru scifu!

Un uomo di quelli, risentito e con la bocca ingorgata di anguria, sputacchiando come un lama, risponde

Ti si’vista tu a chi rasimigli

Scena mirabolante!

Se il bisignanese non esistesse, si dovrebbe inventarlo, una comunità intrisa di storie colorite, uniche, estemporanee, senza le quali difficilmente si potrebbe sopravvivere alla noia di un luogo per tanti versi dimenticato.

20/07/2014 – Alberto De Luca

2 Commenti

  1. Caro Alberto, oggi l’uomo (homo sapiens) è così. Per molte ragioni, in primis il completo abbandono delle istituzioni, l’uomo stà regredendo, è in atto un processo di snaturalizzazione (diventeremo barbari).
    Ciao.

    • Peccato, diventare barbari non era ciò che ci saremmo mai augurati, quando a vent’anni sognavamo una vita migliore, eppure la direzione è quella, ogni giorno che passa, inevitabile. “Ehi capitano siamo accerchiati da cento barche, arpioni, ami e cento reti, fuggi via tu che sei più veloce, mi hanno solo ferito, ma sopravviverò.

      “Sai che c’è…, Non ce ne frega niente…, la vita è…, morire cento volte…, siamo delfini…, giochiamo con la sorte…,”. Delfino – Domenico Modugno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here