Terremoti: conoscerli per essere al sicuro

Letture: 2438

I terremoti possono verificarsi lungo zone molto ampie, quindi è difficile capire dove avverranno. Questo un capisaldo dell’incontro avvenuto al centro Com, organizzato dalla geologa e consigliere comunale Francesca Lucieri, brava a far capire al pubblico come sia importante – come tutte le cose nella vita (e forse anche nella politica attuale…) una pianificazione, un progetto complessivo fatto di interventi strutturali per mettere in sicurezza il costruito, definendone le priorità e le azioni sinergiche per disseminare conoscenza e consapevolezza tra i cittadini, che ancora non percepiscono il rischio sismico in tutta la serietà. A ciò, ha applaudito il sindaco Francesco Lo Giudice.

L’esperto Carlo Tansi ha sottolineato e ha ricordato come la placca Europea insieme a quella africana si stiano spingendo l’una contro l’altra, facendo muovere la Calabria di 7 millimetri l’anno, un dato che almeno per noi non c’è pericolo…. Ecco perché forti terremoti possono essere la normalità, purtroppo, in Calabria. Tansi ha ricordato come “I dati scientifici insegnano che molti raggruppamenti di sismi e sciami sismici iniziano e poi muoiono senza dare origine a scosse catastrofiche. La sismicità dipende dalla presenza di faglie attive che determinano i terremoti». Quindi, l’attività di attento monitoraggio delle faglie rappresenta un strumento potentissimo di prevenzione, così come gli interventi sugli edifici a rischio.