Sorteggi Basket Euro 2015

E’ stato effettuato in questi giorni il sorteggio per gli Europei 2015 di Basket (5-20 Settembre in Germania, Francia, Croazia e Lettonia). Il sorteggio non è stato per nulla benevolo per i nostri Azzurri, capitati in un girone molto più che di ferro.

Il Girone B, quello degli Azzurri, è composto da avversari di alto calibro come la Germania, la Spagna, la Serbia, la Turchia e, infine, la poco temibile Islanda. Capiamo quindi benissimo come la strada verso le Olimpiadi 2016 sia nettamente in salita per gli Azzurri, nonostante a passare alla fase successiva siano ben quattro squadre. Il rischio è dietro l’angolo, infatti se finissimo quarti nel girone troveremmo agli Ottavi un temibilissimo scontro contro la Francia.

Il Ct Pianigiani ha accolto il sorteggio senza fasciarsi la testa, cosciente che saranno tanti fattori ad influire a Settembre e che, soprattutto, sarà la condizione fisica di allora a decidere i match e non i pronostici di Dicembre. Il calendario prevede la partenza contro la Turchia (già battuta ad Euro 2013) il 5 Settembre, a cui seguiranno le sfide all’Islanda (6/09), Spagna (8/09), Germania (9/09) e Serbia (10/9).

Ecco gli altri gironi:

GIRONE A: Francia, Finlandia, Bosnia, Polonia, Israele, Russia.

GIRONE C: Croazia, Slovenia, Grecia, Macedonia, Georgia, Olanda.

GIRONE D: Lettonia, Lituania, Ucraina, Belgio, Repubblica Ceca, Estonia.

Si qualificano agli Ottavi le prime quattro di ogni girone. La fase ad eliminazione diretta si svolgerà a Lille, con il girone dell’Italia che si incrocierà con quello A. Le due finaliste si qualificano alle Olimpiadi, mentre dalla terza alla sesta posizione si disputeranno il preolimpico.

L’Italia che si presenterà a questa competizione avrà per la prima volta una rosa ampia dotata di centimetri e talento. L’obiettivo è quello di migliorare il risultato dell’Estate 2013, giungendo al torneo preolimpico.

Però ci sono molti dubbi intorno agli Azzurri: le condizioni fisiche, la presenza dei giocatori Nba e il caso Hackett. L’importante è formare subito il gruppo, con gente davvero motivata ad affrontare la competizione europea, senza nessun tipo di compromessi. Non è un caso che nel 2011 con tutti gli “Nba” presenti abbiamo raggiunto il peggior risultato di sempre. Conta la testa più che la qualità, quindi.

Anche le nostre avversarie non sono comunque al cento per cento: la Spagna (la più forte della competizione) non ha ancora un Ct, la Serbia ha poca esperienza nonostante l’argento mondiale, la Turchia delude sempre mentre la Germania è un’incognita. Quindi le chance, se ben sfruttate, ci saranno: sta agli Azzurri trasformare un’impresa in realtà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here