Serie A 2014-15: la lotta salvezza a 10 gare dalla fine

Letture: 1607

Con il Parma da sempre fuori dai giochi, la lotta salvezza in Serie A prevede otto squadre in dodici punti che, in modi diversi, vivranno queste ultime giornate con l’obiettivo di salvarsi.

Analizziamo i vari gruppi in lotta:

LE QUASI SALVE: Udinese, Empoli, Sassuolo, Chievo e Verona navigano tra i 33 e i 32 punti, un buon distacco dalla zona B (12 e 11 punti rispettivamente).

L’Udinese nelle prime giornate aveva fatto ottimi risultati, ma poi pian piano ha perso smalto e il team di Stramaccioni ha deluso le aspettative. Il calo di Di Natale ha influito molto in questo, ma la squadra è una squadra giovane che si farà.

L’Empoli è la sorpresa tra le provinciali: nessuno avrebbe pensato che la squadra di Sarri avrebbe avuto un tale rendimento in Serie A nonostante un mercato quasi nullo in Estate. L’allenatore dei toscani adesso è uno dei più corteggiati (addirittura anche dal Rubin Kazan) e insieme a lui ci sono tanti giocatori interessanti nella sua squadra che a fine stagione potrebbero cambiare aria.

Il Sassuolo sta vivendo un girone di ritorno difficile ma vive di rendita delle imprese e dei punti guadagnati nel girone d’andata. La salvezza è ad un passo, manca solo l’allungo decisivo. Unico aspetto negativo di questa stagione è il drastico calo di prestazione del trio d’attacco da Gennaio ad oggi, forse anche a causa delle tante voci di mercato.

Il Chievo ha aperto una buona striscia positiva e anche in questa stagione sta riuscendo a portare a casa un’ottima salvezza. Protagonista assoluto il centravanti Paloschi, già a tredici gol in stagione.

Il Verona ha ritrovato un super Luca Toni (7 gol in 7 partite) e grazie al campione del Mondo ha messo un ottimo margine sulla zona retrocessione. Adesso la vera sfida è arrivare davanti ai cugini del Chievo: con il derby in programma a Maggio tutto è possibile.

CHI RISCHIA: A rischiare di rimanere risucchiata nella zona B è l’Atalanta di Reja, con soli cinque punti di vantaggio su Cagliari e Chievo. Il calendario da qui alla fine non è agevole: Cesena-Atalanta è il big match, mentre le sfide contro Palermo, Milan e le romane possono far perdere punti importanti. Urge ritrovare ben presto il vero Denis.

LE PERICOLANTI: Cagliari e Cesena ballano entrambe a quota 21, con il Cesena che affronterà in casa l’Atalanta come sfida salvezza, ma ci sono anche le sfide alle genoane, le veronesi, Fiorentina e Napoli.

Il Cagliari sfiderà la Lazio in casa, il Napoli al San Paolo, la Fiorentina al Franchi e la Juve fuori.

Occhio alla penultima giornata: Cesena-Cagliari.

Obiettivamente, però, pensare ad una tra Cesena e Cagliari ancora in A nella prossima stagione sembra utopia.

900 minuti alla fine: tutto può ancora succedere.

Armando Zavaglia