Portogallo sul tetto d’Europa: l’outsider dopo 12 anni

 

  • di Massimiliano Aquino

Il post trionfo porta sempre ad alcune analisi: dopo 12 anni il Portogallo torna a far trionfare una non favorita, prende il suo primo torneo internazionale e “regala” a Cristiano Ronaldo un altro pallone d’oro. Coraggioso Santos nel puntare su una squadra attesa da un perenne esame di maturità, che vince un europeo con 6 pareggi su 7 gare nei tempi regolamentari e con l’unico centravanti in rosa schierato a 20 minuti dalla fine.

Bus_Francia_def-kQ8F-896x504@Gazzetta-Web-300x169 Portogallo sul tetto d'Europa: l'outsider dopo 12 anniTra le perle finali segnaliamo il pullman già preparato dai francesi, Pogba che ha giocato da mediano, le falene in faccia a tutti e il curioso ranking Fifa che sarà sicuramente un ponte di sorprese prossimamente.

Questo il commento live

Sono terminati con la vittoria del Portogallo di Cristiano Ronaldo, i campionati Europei di Francia 2016. Vittoria, maturata in finale al di la di ogni pronostico. Da una parte, la Francia di Didier Deschamps, una squadra, capace di eliminare in semifinale, i campioni del mondo della Germania, dall’altra, il Portogallo del ct. Fernando Sandos – soprannominato l’ingegnere di Dio -che è riuscito a risollevare le sorti della Nazionale Portoghese, dopo la debacle nel girone eliminatorio. Il bilancio del Portogallo infatti, dice tre pareggi nel girone F di qualificazione,e ottavi di finale raggiunti solamente grazie al ripescaggio come migliore terza, il tutto, in un girone costituito da Austria, Islanda, Portogallo, e Ungheria. I transalpini, invece, nel girone A con Albania, Romania, e Svizzera. La Francia si è presentati agli ottavi di finale, con un bilancio di 7 punti, ovvero, con due vittorie e un pareggio. Il Portogallo al contrario, non ha mai ottenuto una vittoria nel girone eliminatorio, chiudendo di fatto, al terzo con 3 punti. Si qualificano entrambe per gli ottavi di finale, con gli undici di Deschamps che hanno battuto l’Irlanda per 2 reti a 1, mentre il Portogallo, a fatica, ha battuto la Croazia per 1 rete a 0 nel finale del secondo tempo supplementare con il gol di Quaresma. Nei quarti di finale, la Francia si è imposta sulla“matricola” Islanda,con il risultato di 5 reti a 2. Il Portogallo di Cristiano Ronaldo, dopo aver chiuso i tempi supplementari sul risultato di parità 1 a 1, ha avuto la meglio sulla Polonia solamente ai calci di rigore con il punteggio di 5 reti a 3. Squadre in semifinale. La Francia, con una partita spettacolare, ha vinto l’attesissimo match contro i campioni del mondo della Germania, con il risultato di 2 reti a 0. Dall’altra parte del tabellone, il Portogallo, ha battuto il Galles di GarethBale per 2 reti a 0, dopo una partita dominata dai Gallesi. In finale, sono giunte due squadre nettamente contrapposte.

La Francia, tecnica e organizzataè scesa in campo con Lloris, Sagna, Umtiti, Koscielny, Evra, Pogba, Matuidi, Sissoko (6’ sts. Martial), Griezmann, Payet (13 st.Coman), Olivier Giroud (34’ st.Gignac).

Il Portogallo forte della solidità difensiva, in campo con Rui Patricio, Cedric, Fonte, Pepe, Guerreiro, William Carvalho, Nani, Renato Sanches (34’ st. Eder), Silva (22’ st. Moutinho), Joao Mario, e Cristiano Ronaldo (24’ pt. Quaresma) uscito anzitempo in lacrime per un’entrata durissima di Payet.

Nella finale Disputata allo Stade de France – come da copione – gli undici di Deshamps, hanno dominato a lunghi tratti l’andamento del match, con il capocannoniere degli Europei, Griezmann (6 volte a segno) che si è reso pericoloso in area avversaria in diverse occasioni. L’infortunio accorso a Cristiano Ronaldo dopo appena ventiquattro minuti di gioco, sembrava il preludio della vittoria dei padroni di casa, al contrarioinvece, i 20.000 Portoghesi presenti allo Stade de France in lacrimequando CR7 è uscito dal campo per infortunio, hanno pianto di gioia al termine della partita. Il Portogallo è uscito fuori alla distanza, calando l’asso a ridosso dell’ennesima sfida ai calci di rigore. Nel corso di questi campionati Europei , infatti, il Portogallo ha vinto tre volte oltre i novanta minuti di gioco – compresa la finale contro la Francia -, a dimostrazione, della tenuta fisica – nonché mentale – dei giocatori di Sandos. Nonostante la Francia avesse motivazioni e qualità tecniche superiori al Portogallo, il gol che ha deciso la finale di Euro France 2016, è stato quello di Eder, attaccante Portoghese del Lille, che dal limite dell’area di rigore, ha trovato il gol nell’angolino basso.Senza Cristiano Ronaldo, infortunatosi nei primi minuti di gioco in seguito ad uno scontro con Payet, i Lusitani, hanno conquistato il primo trofeo della loro storia, gettando le basi, per i mondiali di Russia nel 2018. Alla Francia non è rimasto altro, che il rammarico di aver sottovalutato l’avversario. La Francia a secco di trofei da sedici anni, era sicura di vincere l’Europeo. A testimoniarlo, il pullman già pronto con la scritta “CHAMPION’S D’EUROPE” che avrebbe dovuto sfilare tra i tifosi per festeggiare la vittoria. A salire sul pullman per le strade di Lisbona, sono stati invece, i giocatori del Portogallo accolti da decine di migliaia di tifosi in festa. Al termine della finale Francia-Portogallo, l’immagine più bella di questo torneo, l’immagine di un bambino Portoghese che abbraccia un bambino Francese in lacrime dopo la sconfitta, un esempio, da assumere ben oltre i confini del calcio…

francia-portogallo-finale-europei-2016-31-300x165 Portogallo sul tetto d'Europa: l'outsider dopo 12 anni

I commenti dei protagonisti.

Fernando Santos: “Sapevamo di avere talento, ma anche di dover lottare. Questa è senza dubbio la vittoria del popolo portoghese”.

Cristiano Ronaldo: “È uno dei momenti più felici della mia carriera.Questi giocatori, questo ct. e questo staff, meritano tutti la vittoria dell’Europeo. Abbiamo fatto la storia della nostra nazione. Siamo i primi a vincere un torneo importante, ma tutta la nazione se l’è meritato”.

Pepe: “Abbiamo dato sangue, sudore e lacrime per vincere.Sono già stato campione d’Europa con il club, è vero, ma il massimo per un giocatore è vincere con la sua Nazionale, per il suo Paese. È una sensazione indescrivibile, sono molto orgoglioso di quello che siamo riusciti a fare”.

Eder il protagonista della finalissima ringrazia il compagno di squadra Ronaldo: “Quando sono entrato in campo mi ha abbracciato e mi ha detto che avrei segnato il gol della vittoria”.

 

Deschamps: “Abbiamo buttato una buona occasione per diventare campioni d’Europa”.

Griezmann: “Abbiamo buttato una buona occasione per diventare campioni d’Europa”.

Lloris, il portiere e capitano francese, non nasconde la delusione lanciando però uno sguardo positivo verso il futuro: “per noi è stata un’esperienza positiva anche se siamo molto dispiaciuti”.

 

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here