Motogp Germania, il live

di Massimiliano Aquino

Nel Gp di Germania sul circuito del Sachsenring – nona provadel mondiale MotoGp – la Honda di Marc Marquez, si è aggiudicato il Gp davanti alla Honda clienti di Crutchlow, e alla Ducati di Dovizioso. Gara caratterizzata dalle condizioni meteo che hanno scombussolato le strategie dei piloti. Partiti con le gomme “rain”, i piloti della MotoGp sono giunti al traguardo con le gomme intermedie in seguito al cambio moto. Condizioni meteo che hanno premiato la Honda di Marc Marquez, che dopo essere scivolato nelle retrovie durante le fasi iniziali di gara, ha effettuato per primo il cambio moto, che di fatto, lo ha portato a recuperare 6” al giro sui piloti di testa. Occasione sfumata invece per la Yamaha di Valentino Rossi, che insieme a Dovizioso, hanno condotto al comando gran parte di gara con le gomme da bagnato, nonostante, le traiettorie asciutte del tracciato, e i tempi nettamente più bassi di Iannone e Marquez con gomme intermedie. Una strategia sbagliata quella di Rossi e Dovizioso, che ha consentito a Marquez di vincere il terzo Gp stagionale, e di incrementare il vantaggio nella classifica mondiale. Gara anonima del campione del mondo Lorenzo, giunto in quindicesima posizione ad oltre 40” di ritardo dal vincitore. Marquez in classifica generale, ha portato il suo vantaggio a +48 punti su Lorenzo, e +59 su Rossi.

I commenti dei protagonisti.

Marquez: “È stato difficile. All’inizio faticavo parecchio con la extrasoft e ho avuto qualche attimo di paura. Ma appena ho visto che l’asfalto si stava asciugando ho cambiato la moto”.

Dovizioso: “Avevo l’anteriore extrasoft e in testa ero talmente concentrato a sfruttare la gomma che non mi sono reso conto che avrei dovuto cambiare due giri prima e questo ha fatto la differenza”.

Rossi: “Col senno di poi potevo rientrare 2-3 giri prima, ma non sarebbe cambiato tanto. Sarei arrivato magari 6º. Più che la strategia, la verità è che quando sono rientrato in pista andavo piano”.

In qualifica pole per la Honda di Marc Marquez in 1’21”160 contro 1’21”666 di Rossi.

1 M. Marquez 2 H. Barbera

3 V. Rossi 4 D. Petrucci

5 P. Espargaro 6 M. Vinales

7 A. Dovizioso 8  A. Espargaro

9 A. Iannone 10 D. Pedrosa

11 J. Lorenzo 12 Y. Hernandez

13 C. Crutchlow 14 B. Smith

15 S. Redding 16  J. Miller

17  S. Bradl 18 E. Laverty

19 A. Bautista 20 L. Baz

21 E. Rabat

In gara.

1º giro Rossi davanti a Dovizioso, Marquez,e Petrucci. Lorenzo in decima posizione.

2º giro Petrucci supera Marquez.

3º giro Rossi in difficoltà viene superato da  Dovizioso e Petrucci.

4º giro Petrucci in testa dopo il sorpasso su Dovizioso.

5º giro Rossi in terza posizione, Marquez in quarta, Lorenzo in tredicesima posizione.

7º giro Pedrosa e Iannone in lotta per la settima posizione.

8º giro Barberà su Marquez per la sesta posizione.

9º giro Lorenzo in quindicesima posizione.

10º giro Mrquez arriva lungo in frenata e finisce fuori pista. Rientra ma dopo aver perso diverse posizioni.

11º giro cambio moto di Petrucci.

13º giro cambio moto anche per Iannone. Assetto con gomme intermedie.

15º giro: 1 Dovizioso, 2 Barbera, 3 Rossi, 4 Miller, 5 Crutchlow, 6 Pedrosa, 7 Redding, 8 Marquez, 9 Bautista, 10 A. Espargaro.

17º giro Marquez rientra per il cambio. Assetto con gomme intermedie.

18º giro Marquez in quattordicesima posizione è il pilota più veloce in pista.

19º giro dai box segnalano a Rossi di rientrare per il cambio moto.

21º giro Rossi ancora in pista con gomme da bagnato. Marquez ha ridotto il gap di 40” dalla coppia di testa Rossi – Dovizioso, a 25” in pochi giri.

23º giro rientrano ai box Dovizioso, Rossi, Crutchlow e Barberà.

24º giro: 1 Miller, 2 Marquez, 3 Redding, 4 Dovizioso, 5 Crutchlow, 6 Barbera, 7 Rossi, 8 Lorenzo, 9 Pedrosa, 10 Bautista.

25º giro Marquez si prende il comando della gara ai danni di Miller.

26º giro Rossi in un solo giro perde la posizione a vantaggio di Pedrosa e Iannone. Lorenzo in quindicesima posizione.

28º giro Crutchlow supera Dovizioso.

30º giro Marquez taglia il traguardo davanti a Crutcchlow e Dovizioso che nel finale beffa Redding. Rossi in ottava posizione supera Miller scivolato nelle retrovie.

La classifica.

1 Marquez 170 punti, 2 Lorenzo 122, 3 Rossi 111, 4 Pedrosa 96, 5 Vinales 83, 6 P. Espargaro 72, 7 Barbera 65, 8 Iannone 63, 9 Dovizioso 59, 10 Laverty 53, 11 A. Espargaro 51, 12 Redding 45, 13 Miller 42, 14  Crutchlow 40, 15 Bradl 37.

Prossimo appuntamento 14 agosto Gp d’Austria – Red Bull Ring.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here