Mondiali Russia 2018: tutto quello che c’è da sapere

COUNTDOWN PER I MONDIALI DI RUSSIA. GERMANIA E BRASILE FAVORITE PER LA VITTORIA DEL TORNEO

(Massimiliano Aquino)

Si accendono le luci sui Mondiali di Russia 2018. Per la 21ª edizione il campionato mondiale di calcio organizzato dalla Fifa si disputa in Russia. Superata la concorrenza di Inghilterra, Spagna-Portogallo, e Paesi Bassi-Belgio, la Russia si è aggiudicata per la prima volta nel 2010 l’organizzazione dell’evento sportivo. Sono 11 le città coinvolte dal torneo, mentre sono 12 gli stadi dove verranno disputate le sfide tra le nazionali. L’evento calcistico più atteso dell’anno, sarà trasmesso in esclusiva dalle reti Mediaset. Si parte il 14 giugno con la fase a gironi. Gli ottavi di finale si disputeranno dal 30 giugno al 3 luglio. I quarti di finale il 6 e il 7 luglio. Le semifinali il 10 e il 11 luglio. Il 15 luglio la finale di Mosca al Luzhniki Stadium, sede della finale di Champions League nel 2008 vinta ai rigori dal Manchester United contro il Chelsea.

 

Ai nastri di partenza 32 Nazionali. Assente di lusso dalla competizione sportiva, la Nazionale Italiana, clamorosamente eliminata nello spareggio mondiale dalla Svezia del ct Jan Andersson. Gli azzuri solamente in due occasioni non hanno preso parte ai mondiali di calcio. La prima esclusione  ai mondiali giocati in Uruguay nel 1930 per problemi logistici e politici. La seconda nel 1958 ai mondiali di Svezia, quando, le prestazioni mediocri dei giocatori – ancora emotivamente colpiti dalla tragedia di Superga del 1949 – non consentirono alla Nazionale di qualificarsi per i mondiali di calcio. Le due sfide contro la Svezia sono state un dramma nazionale. Dopo la sconfitta per  1 rete a  0 subita alla Friends Arena di Solna con gol di Johansson – in occasione della rete complice una deviazione di De Rossi -, gli azzurri non sono riusciti ad andare oltre lo 0 a 0 nella partita di ritorno giocata allo stadio San Siro davanti a 72.696 spettatori. Un fallimento epocale per la FIGC e per il c.t. Ventura, se si considerano i giocatori di esperienza come Buffon, Bonucci, Chiellini, De Rossi, Candreva, Immobile, Insigne.

Oltre agli azzurri, restano a casa l’ Olanda di Arjen Robben, la Bosnia di Miralem Pjanic, il Cile di Arturo Vidal e Alexis Sanchez, il Galles del fenomeno Gareth Bale, la Costa d’Avorio, gli Usa, e la Repubblica d’Irlanda.

 

I Gironi

 

Gruppo A: Russia (nazione ospitante), Arabia Saudita, Egitto, Uruguay.

Gruppo B: Portogallo, Spagna, Marocco, Iran.

Gruppo C: Francia, Australia, Perù, Danimarca.

Gruppo D: Argentina, Islanda, Croazia, Nigeria.

Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica, Serbia.

Gruppo F: Germania, Messico, Svezia, Corea del Sud.

Gruppo G: Belgio, Panama, Tunisia, Inghilterra.

Gruppo H: Polonia, Senegal, Colombia, Giappone.

 

Nel gruppo A l’Uruguay è la favorita per la vittoria del girone. Allenata dal ct Oscar Washington Tabarez, l’Uruguay può fare affidamento su giocatori di esperienza come Edison Cavani, Luis Suarez, Diego Godin, e Martin Caceres. I padroni di casa proveranno a passare il turno con la coppia del gol formata da Aleksei e Anton Miranchuk. L’Egitto punta tutto sulla stella Mohamed Salah, autore di una stagione strepitosa nelle file del Liverpool. Russia e Egitto sembrano destinati a contendersi il passaggio del turno come seconde del girone.

 

Nel gruppo B la Spagna cerca il pass per gli ottavi come prima del raggruppamento. Le furie rosse dopo aver dominato il calcio mondiale dal 2008 al 2012, sono a caccia del riscatto dopo la clamorosa eliminazione nella fase a gironi subita a Euro 2016. Le sfide ufficiali senza sconfitta sono salite a 18. Un scoore che il Portogallo di Cristiano Ronldo proverà ad interrompere. A contendere il primato del girone infatti, ci sono i numeri di CR7, che con 15 reti e 3 assist nel girone di qualificazione, ha portato la sua nazionale ai mondiali di Russia.

 

Nel gruppo C la Francia è una delle favorite per la vittoria finale del torneo. Il ct Didier Deshamps non fa calcoli, e chiede ai suoi giocatori lo stesso carattere che condusse la Francia nel 1998 sul tetto del mondo. Le ambizioni della Francia sono alte. Per la seconda posizione nel girone la Danimarca sembra favorita sulla compagine Australiana. Il Perù ritorna nella massima competizione calcistica dopo la sua ultima partecipazione nel lontano 1982.

 

Nel gruppo D l’Argentina ringrazia Leo Messi per la qualificazione ottenuta al fotofinish. La formazione albiceleste ha conquistato i mondiali grazie alla tripletta di Messi nella sfida spareggio contro l’Equador – in vantaggio per 1 a 0 sul risultato di parità -. La nazionale di Jorge Sampaoli punta tutto su Messi, Dybala, Higuain, e Auguero per un mondiale sotto i riflettori. Per il secondo posto nel giro, la Croazia si gioca il pass con la Nigeria, quest’ultima, prima squadra a qualificarsi alla fase a gironi

 

Nel gruppo E il Brasile di Neymar dopo lo shock del mondiale casalingo del 2014 (7 reti a 1 contro la Germania), ritorna ad essere favorito per la conquista del titolo. La vittoria in amichevole per 1 rete a 0 proprio contro la Germania, ha restituito entusiasmo e autostima alla selecao  del ct Tite. L’attaccante brasiliano del PSG ha recuperato dall’infortunio alla schiena, e si candida ad un mondiale da protagonista. La Svizzera al 6° posto nel ranking FIFA dovrà lottare con Costa Rica e Serbia per il passaggio alla fase successiva.

 

Nel gruppo F la Germania punta decisa al bis mondiale. I tedeschi sono la squadra più in forma del torneo. Dopo la sconfitta subita nella semifinale di Euro 2016, in 23 sfide ufficiali, i tedeschi del ct Joachim Low hanno perso in una sola occasione. La qualificazione ai mondiali è stata raggiunta con 10 vittorie in altrettante sfide. La Svezia dopo aver staccato il biglietto per i mondiali ai danni della nazionale italiana, punta al passaggio del turno per contunuare a stupire i propri tifosi.

 

Nel gruppo G il Belgio è la nazionale da battere per il primato del girone. I diavoli rossi 3° nel ranking FIFA devono confermare la loro crescita. Il Belgio è stata la prima squadra europea a staccare il pass per i mondiali di Russia. Ai mondiali del 2014 il torneo si è concluso ai quarti di finale contro l’Argentina. Le 43 reti segnate durante le qualificazione, fanno ben sperare i tifosi belgi. La nazionale inglese del ct Gareth Southgate è ancora in fase di crescita, ma su Tunisia e Panama (esordio assoluto in un mondiale) dovrebbe riuscire ad ottenere il pass per la fase successiva. Per la matricola Panama esordio assoluto in una competizione mondiale.

 

Nel gruppo H Polonia e Colombia sono le favorite del girone. Dal 2013 il ct della Polonia, Adam Nawalka, ha riportato la nazionale polacca dal 69° posto al 10° nel ranking FIFA. Un risultato raggiunto grazie alle reti del bomber Robert Lewandowski, autore di 16 reti in 10 partite. Alla pari della Polonia, la Colombia del ct Josè Pekerma, che potrà fare affidamento sulla classe di Radamel Falcao, assente ai mondiali del 2012 per un grave infortunio al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

 

Gli Stadi

 

Il Luzhniki Stadium (Mosca) da 80.000 Ospiterà la gara inaugurale dei mondiali, Russia – Arabia Saudita, e la finalissima del 15 luglio alle ore 17. Si giocano al Luzhniki Stadium anche Germania – Messico, Portogallo – Marocco, e Danimarca – Francia. Ottavi di finale 1 luglio ore 16. Semifinale 11 luglio ore 20.

 

Il Volgograd Arena (Volgograd) da 45.000 ospiterà Tunisia – Inghilterra, Nigeria – Islanda, Arabia Saudita – Egitto, Giappone – Polonia.

 

Il Mordovia Arena (Saransk) da 44.000 posti ospiterà Perù – Danimarca, Colombia – Giappone, Iran – Portogallo, Panama – Tunisia.

 

Il Rostov Arena (Rostov-on-Don) ospiterà Brasile – Svizzera, Uruguay – Arabia Saudita, Cores del Sud – Messico, Islanda – Croazia. Ottavo di finale 2 luglio ore 20.

 

Il Saint Peterburg Stadium (San Pietroburgo) da 67.000 posti ospiterà Marocco – Iran, Russia – Egitto, Brasile – Costa Rica, Nigeria – Argentina. Ottavo di finale 3 luglio ore 16. Semifinale 10 luglio ore 20. Finale 3º e 4º  posto 14 luglio ore 16.

 

Il Kazan Arena (Kazan) da 45.000 posti ospiterà Francia – Australia, Iran – Spagna, Polonia – Colombia, Corea del Sud – Germania. Ottavo di finale 30 giugno ore 16. Quarto di finale 6 luglio ore 20.

 

Il Nizhny Novgorod Stadium (Nizhny Novgorod) da 45.000 posti ospiterà Svezia – Corea del Sud, Argentina – Croazia, Inghilterra – Panama, Svizzera – Costa Rica. Ottavo di finale 1 luglio ore 20. Quarto di finale 6 luglio ore 16.

 

Lo Spartak Stadium (Mosca) da 45.000 posti ospiterà Argentina – Islanda, Polonia – Senegal, Belgio – Tunisia, Serbia – Brasile. Ottavo di finale 3 luglio ore 20.

 

Lo stadio Ekaterinburg Arena (Yekaterinburg) da 35.000 posti ospiterà Egitto – Uruguay, Francia – Perù, Giappone – Senegal, Messico – Svezia.

 

Il Samara Arena (Samara) da 45.000 posti ospiterà Costa Rica – Serbia, Danimarca – Australia, Uruguay – Russia, Senegal – Colombia. Ottavo di finale 2 luglio ore 16. Quarto di finale 7 luglio ore 16.

 

Il Fisht Stadium (Sochi) da 48.000 posti ospiterà Portogallo – Spagna, Belgio – Panama, Germania – Svezia, Australia – Perù. Ottavo di finale 30 giugno ore 20. Quarto di finale 7 luglio ore 20.

 

Lo stadio Arena Baltika (Kaliningrad) da 35.000 posti ospiterà Croazia – Nigeria, Serbia – Svizzera, Spagna – Marocco, Inghilterra – Belgio.

 

Le sfide

 

Girone A

14/6 ore 17: Russia – Arabia Saudita (Canale 5)

15/6 ore 14: Egitto – Uruguay (Italia 1)

19/6 ore 20: Russia – Egitto (Italia 1)

20/6 ore 17: Uruguay – Arabia Saudita (Italia 1)

25/6 ore 16: Arabia Saudita – Egitto (Italia 1)

25/6 ore 16: Uruguay – Russia (Italia 1)

 

Girone B

15/6 ore 17: Marocco – Iran (Italia 1)

15/6 ore 20: Portogallo – Spagna (Canale 5)

20/6 ore 14: Portogallo – Marocco (Italia 1)

20/6 ore 20: Iran – Spagna (Italia 1)

25/6 ore 20: Spagna – Marocco (Italia 1)

25/6 ore 20: Iran – Portogallo (Italia 1)

 

Girone C

16/6 ore 12: Francia – Australia (Italia 1)

16/6 ore 18: Perù – Danimarca (Italia 1)

21/6 ore 14: Danimarca – Australia (Italia 1)

21/6 ore 17: Francia –  Perù (Italia 1)

16/6 ore 16: Danimarca – Francia (Italia 1)

26/6 ore 16: Australia – Perù (Italia 1)

 

Girone D

16/6 ore 15: Argentina – Islanda (Italia 1)

16/6 ore 21: Croazia – Nigeria (Italia 1)

21/6 ore 20: Argentina – Croazia (Canale 5)

22/6 ore 17: Nigeria – Islanda (Italia 1)

26/6 ore 20: Islanda – Croazia (Italia 1)

26/6 ore 20: Nigeria – Argentina (Italia 1)

 

Girone E

17/6 ore 14: Costa Rica – Serbia (Italia 1)

17/6 ore 20: Brasile – Svizzera (Canale 5)

22/6 ore 14: Brasile – Costa Rica (Italia 1)

22/6 ore 20: Serbia – Svizzera (Italia 1)

27/6 ore 20: Serbia – Brasile (Italia 1)

27/6 ore 20: Svizzera – Costa Rica (Italia 1)

 

Girone F

17/6 ore 17: Germania – Messico (Italia 1)

18/6 ore 14: Svezia – Corea del Sud (Italia 1)

23/6 ore 17: Corea del Sud – Messico (Italia 1)

23/6 ore 20: Germania – Svezia (Italia 1)

27/6 ore 16: Messico – Svezia (Italia 1)

27/6 ore 16: Corea del Sud – Germania (Italia 1)

 

Girone G

18/6 ore 17: Belgio – Panama (Italia 1)

18/6 ore 20: Tunisia – Inghilterra (Canale 5)

23/6 ore 14: Belgio – Tunisia (Italia 1)

24/6 ore 14: Inghilterra – Panama (Italia 1)

28/6 ore 20: Inghilterra – Belgio (Italia 1)

28/6 ore 20: Panama – Tunisia (Italia 1)

 

Girone H

19/6 ore 14: Colombia – Giappone (Italia 1)

19/6 ore 17: Polonia – Senegal (Italia 1)

24/6 ore 17: Giappone – Senegal (Italia 1)

24/6 ore 20: Polonia – Colombia (Italia 1)

28/6 ore 16: Senegal – Colombia (Italia 1)

28/6 ore 16: Giappone – Polonia (Italia 1)

 

Ottavi di finale

30/6 ore 16: 1º girone C – 2º girone D (Canale 5)

30/6 ore 20: 1º girone A – 2º girone B (Canale 5)

1/7 ore 16: 1º girone B – 2º girone A (Canale 5)

1/7 ore 20: 1º girone D – 2º girone C (Canale 5)

2/7 ore 16: 1º girone E – 2º girone F (Canale 5)

2/7 ore 20: 1º girone G – 2º girone H (Canale 5)

3/7 ore 16: 1º girone F – 2º girone E (Canale 5)

3/7 ore 20: 1º girone H – 2º girone G (Canale 5)

 

Quarti di finale

6/7 ore 16

Vincente 1º girone A – 2º girone B (Canale 5)

Vincente 1º girone C – 2º girone D (Canale 5)

 

6/7 ore 20

Vincente 1º girone E – 2º girone F (Canale 5)

Vincente 1º girone G – 2º girone H (Canale 5)

 

7/7 ore 16

1º girone F – 2º girone E (Canale 5)

1º girone H – 2º girone G (Canale 5)

 

7/7 ore 20

1/7 ore 16: 1º girone B – 2º girone A (Canale 5)

1/7 ore 20: 1º girone D – 2º girone C (Canale 5)

 

Semifinali

10/7 semifinale 1 ore 20 (Canale 5)

11/7 semifinale 2 ore 20 (Canale 5)

 

Finali

14/7 ore 16 finale terzo posto (Canale 5)

15/7 ore 17 FINALE (Canale 5)

 

Albo d’Oro

Uruguay 1930 Uruguay, Italia 1934 ITALIA, Francia 1938 ITALIA, Brasile 1950 Uruguay, Svizzera 1954 Germania Ovest, Svezia 1958 Brasile, Cile 1962 Brasile, Inghilterra 1966 Inghilterra, Messico 1970 Brasile, Germania Ovest 1974 Germania Ovest, Argentina 1978 Argentina, Spagna 1982 ITALIA, Messico 1986 Argentina, Italia 1990 Germania Ovest, Stati Uniti 1994 Brasile, Francia 1998 Francia, Corea del Sud 2002 Brasile, Germania 2006 ITALIA, Sudafrica 2010 Spagna, Brasile 2014 Germania.

 

Mondiali 2022: Qatar.

 

 

Dm Web di De Marco Fabrizio