“In Sardegna troppe barbarie sugli animali. Siamo fermi al Medioevo”. Lo sfogo di Elisabetta Canalis

224

Chiede “Una pena esemplare”, la showgirl sarda Elisabetta Canalis, che attraverso un post su Instagram prende posizione sulla vicenda del cane massacrato a Tempio da due uomini, adesso imputati in un processo e si sfoga: “In Sardegna siamo rimasti al Medioevo in tema di diritti degli animali e qualcuno deve dare un segnale chiaro per fermare queste persone”. Sui social network fa discutere il suo sfogo, con parole durissime verso la sua Isola: “La Sardegna non è nuova a questo tipo di cose, e sta diventando sempre più un’Isola simbolo di barbarie e crudeltà”, attacca Elisabetta Canalis.

L’ex velina cita anche un altro episodio, di cui sarebbero stati protagonisti due pastori: “Mi viene in mente l’episodio del cane legato ad una macchina da 2 pastori, padre e figlio , che furono fermati da un poliziotto dopo aver tentato la fuga. Il cane era agonizzante e morì dopo atroci sofferenze”.