Il rosso e il nero… made in China

Ieri non è stata una giornata come tante per qualsiasi tifoso milanista… è stata una giornata di sentimenti contrastanti, la gioia per il tanto sperato passaggio di proprietà  che ha scritto la parola fine sul closing e sull’era Berlusconi. Le emozioni pensando ai trionfi passati, la paura per quello che verrà, ma anche l’ottimismo  e la fiducia per il futuro per chi come me pensa che questo momento era necessario per cercare di ritornare dove non siamo più da anni. Perché il mondo del calcio è cambiato, ovviamente ci sono i pessimisti che vedono nero e marcio qualcosa di losco, è normale non possiamo avere un unanimità su un momento come quello che abbiamo vissuto ieri ma  meglio così il mondo è bello anche perché è vario.IMG-20170413-WA0000-300x221 Il rosso e il nero... made in China
Il calcio si è un gioco ma è anche la metafora della vita, si vince si perde si cade e si ci rialza, così come il Milan  negli anni ha vinto rivinto ma è caduto rovinosamente perdendo, negli ultimi 5 anni però il Milan non riusciva più a tenere il passo del calcio moderno, un calcio che si non è freddo MA GHIACCIATO, fatto da economisti e da finanzieri, non più dai mitici patron di un tempo. Il Milan con una politica del risparmio scellerata ha creato, nonostante tutto, un buco di oltre 200 milioni di euro con il rischio di ritornare laddove Berlusconi prese il Milan ovvero in un aula della Procura Fallimentare di Milano.
Il Momento di passare la mano era arrivato da un pezzo sin da quel 2009 quando il patron della “Dolciaria Ferrero” Michele Ferrero offrì 100 milioni in più dell’attuale prezzo di vendita del Milan, ma nonostante le insistenze di Marina Berlusconi, Silvio non ne volle minimamente parlare vendere il Milan all’epoca  era un segnale di debolezza per l’allora Presidente del consiglio.
Nel 2009 dopo la pantomima di Kakà inizia la smobilitazione del grande Milan.. anno dopo anno i migliori, i senatori che hanno scritto pagine di storia importante del Milan lasciano, lo scudetto 2011 è solo interlocutorio l’anno dopo la vendita di Ibra & Thiago Silva sancisce la fine del Grande Milan,
Da lì in avanti parametri zero (si fa per dire perché devi pagargli lo stipendio e con le tassazione in Italia non è che siano operazioni a costo zero) campioni ormai stagionati che vengono al Milan a svernare senza portare alcun risultato.
Gli anni passano il Milan arretra sta fuori dall’Europa. Ed è in questo circolo vizioso del risparmio che stava affossando il Milan, Berlusconi ha deciso di mettere la parola fine mettendo in vendita il club.
IMG-20170308-WA0008-225x300 Il rosso e il nero... made in ChinaDopo questa sequela di tante negatività non possiamo però non pensare e non rendere l’onore delle armi ha chi nella storia del calcio come proprietario di club  ha vinto di più non ho mai amato Berlusconi, in questi anni l’ho contestato reo di non aver mai detto come stanno le cose, reo di non aver licenziato chi ha amministrato il Milan in questi ultimi anni Adriano Galliani unico responsabile di questo stato di cose, a Silvio Berlusconi da tifoso milanista dico grazie per ogni singola gioia regalatici, mi ricordo come se fosse ieri la finale di Barcellona contro lo Steaua  ricordo quella di Atene dove davano per spacciati il Milan con un Barcellona che il giorno prima della finale celebrava la vittoria immortalandosi con la Champions, sappiamo com’è andata a finire, non posso dimenticare quel quarto all’ultimo secondo contro l’Ajax , la quaterna di Van Basten al Goteborg, la semifinale di Champions 2007 contro lo United a San Siro e mi fermo quì perchè l’elenco sarebbe lungo.
In ogni cosa c’è un inizio è una fine è la vita non la puoi fermare, le persone vanno e vengono e il calcio non è da meno, il Milan non finisce oggi il Milan va avanti … la vita va avanti..

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here