Formula Uno, tris di Rosberg in Cina

FORMULA1: NICO ROSBERG FA IL TRIS NEL GP DELLA CINA

IL TEDESCO DELLE MERCEDES TRIONFA DAVANTI A VETTEL E KVYAT

 

Nella terza prova del mondiale di Formula 1 la Mercedes di Nico Rosberg si aggiudica la vittoria nel Gp della Cina. Sul circuito di Shangai, il Tedesco della Mercedes al termine dei 56 giri di gara, ha trionfato davanti alla Ferrari di S. Vettel e alla Red Bull di D. Kvyat. Per il tedesco della Mercedes si tratta della terza vittoria consecutiva in tre gare disputate.Sfortunate le Ferrari di Vettel e Raikkonen che si sono toccate nelle fasi iniziali di gara, a causa di Kvyat che ha costretto Vettel ad un improvviso cambio di direzione in curva, proprio mentre sopraggiungeva la Ferrari di Raikkonen. Nonostante il problema alla partenza, le due Ferrari hanno dimostrato di avere una vettura affidabile e soprattutto performante con le diverse tipologie di gomma. Da segnalare in questo Gp, il ritorno al passato per quanto riguarda il format delle qualifiche. Dopo il fallimento delle “qualifiche a tempo” nelle prime due gare stagionali, la Fia e B. Ecclestone hanno deciso di assecondare le richieste dei Piloti riportando le qualifiche al format tradizionale con i primi 10 piloti della Q2 a giocarsi la pole position nella Q1. Qualifiche queste, che non sono servite al pilota Mercedes Lewis Hamilton che oltre alla sostituzione del cambio che avrebbe scontato con l’arretramento di 5 posizioni in griglia di partenza, si è ritrovato in ultima posizione dopo essere stato eliminato nella Q1 a causa di problemi tecnici.Rientro positivo invece per Fernando Alonso -dopo l’incidente di Melbourne – che in qualificaha ottenuto la sesta fila insieme al suo compagno di squadra Jenson Button.

Qualifiche ancora una volta segnate dal dominio Mercedes che con Nico Rosberg ha conquista la terza pole position consecutiva in 1:35.402 davanti alla Red Bull di Daniel Ricciardo 1:35.917; In seconda fila: 3º K. Raikkonen 4º S. Vettel; In terza fila: 5º V. Bottas 6º D. Kvyat; In quarta fila: 7º S. Perez 8º C. Sainz; In quinta fila: 9º M. Verstappen 10º F. Massa; In sesta fila: 11º F. Alonso 12º J. Button; In settima fila: 13º N. Hulkenberg (3 posizioni di penalità per aver perso una ruota) 14º R. Grosjean; In ottava fila: 15º M. Ericsson 16º F. Nasr; In nona fila: 17º K. Magnussen 18º E. Gutierrez; In decima fila: 19º J. Palmer 20º R. Haryanto; In ultima fila: 21º P. Wehrlein 22º L. Hamilton.

In gara. Partenza da dimenticare per le due Ferrari con Vettel che  nel tentativo di evitare il contatto con la Red Bull di Kvyat, colpisce Raikkonen che è costretto a rientrare ai box per sostituire l’alettone anteriore. Hamilton prende un detrito ed è rientra per sostituire l’alettone.

1º giro con Ricciardo davanti a Rosberg,Kvyat, Sainz, Perez, Hulkenberg, Massa, Button, Vettel, Bottas;

2º giro Ricciardo perde la gomma posteriore sinistra e sosta ai box;

3º giro Hamilton al 20º posto, Raikkonenal 19º;

4º giro detriti in pista e Safety car. Ai box Kvyat, Perez, Vettel (che sostituisce anche l’alettone anteriore), Sainz, Hulkenberg, Button, Bottas, Verstappen, Ericsson, Magnussen;

6º giro conducono la gara i piloti che non si sono ancora fermati per la sosta: Rosberg, Massa, Alonso, Wehrlein, Gutierrez, Palmer, Haryanto;

7º giro si ferma Hamilton per la terza sosta;

9º giro rientra la Safety car con la Mercedes di N. Rosberg che fa l’andatura. Raikkonen al 17º posto;

13º giro Vettel risale in quinta posizione preceduto da Perez, Alonso, Massa, Kvyat, e Rosberg;

14º giro Vettel supera Alonso. Rientra l’altra Ferrari di Raikkonen per la seconda sosta;

18º giro seconda sosta ai box per la Ferrari di Vettel;

21º giro primo pit stop per la Mercedes di Rosberg;

22º giro Vettel si porta in zona podio dietro Rosberg e Kvyat. Il pilota Mercedes ha una sosta in meno rispetto al pilota della Ferrari e della Red Bull; Raikkonen rientra nei primi 10;

28º giro: Rosberg, Kvyat, Vettel, Massa, Perez, Bottas, Ricciardo, Button, Sainz, Raikkonen, Hamilton;

31º giro sosta ai box per Hamilton che rientra al 14º posto;

35º giro Rosberg ha un vantaggio di 35” su Kvyat e 37” su Vettel;

36º giro rientrano ai box Kvyat e Vettel ma le posizioni restano invariate;

37º giro seconda sosta per la Mercedes di Rosberg. Vettel supera Kvyat e sale in seconda posizione;

38º giro pit stop per la Ferrari di Raikkonen;

41º giro: Rosberg, Vettel, Kvyat,Verstappen, Massa, Hamilton, Bottas, Ricciardo, Perez, Raikkonen;

44º giro la Red Bull di Ricciardo in un solo giro supera la Mercedes di Hamilton e la Williams di Massa;

47º giro Raikkonen supera Hamilton;

48º giro il Finlandese si ripete su Massa e si porta ai margini del podio;

50º giro Rosberg ha un vantaggio di 33” su Vettel secondo;

56º giro Nico Rosberg vince davanti a Vettel e Kvyat. Giù dal podio: Ricciardo, Raikkonen, Massa, Hamilton, Verstappen, Sainz, Bottas. Fuori dalla zona punti: Perez, Alonso, Button, Gutierrez, Hulkenberg, Ericsson, Magnussen, Wehrlein, Grosjean, Nasr, Haryanto, Palmer

Festeggia Rosberg al termine della gara: “La partenza non è stata perfetta ma la macchina era perfetta, e sono riuscito a creare un margine consistente. Ho cercato di spingere subito per aumentare il divario ed è andata bene”. S. Vettel: “La mia partenza non è stata perfetta mi sono trovato in mezzo, Kvyat è arrivato con molta velocità e Raikkonen a sinistra e non ho potuto far altro che prenderlo. Non è stata la cosa migliore per il Team mi dispiace”. D. Kvyat: “Ho fatto una bella partenza. Ho visto lo spazio e ho cercato di andare dentro. Certo, ho rischiato, ma continuerò a farlo. La mossa ha comunque pagato, visto che ho chiuso sul podio”.

Dopo tre Gp disputati la classifica vede N. Rosberg al comando con 75 punti, seguito da L. Hamilton 39, D. Ricciardo 36, S. Vettel 33, K. Raikkonen 28, F. Massa 22, D. Kvyat 21, R. Grosjean 18, M. Verstappen 13, V. Bottas 7, N. Hulkenberg 6, C. Sainz 4, S. Vandorne 1.

Si torna in pista il primo Maggio con il Gp di Soci – Russia.

Massimiliano Aquino

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here