90°minuto, puntata 19-10-2014

Riparte il campionato, riparte 90° minuto, la trasmissione più amata – moltissimo tempo fa – dagli italiani. Ricordate, tramite mail, tweet o piccioni viaggiatori, a Marco Mazzocchi che non è Paolo Valenti: le sue battute non sono quelle del Maestro, l’ironia non è cosa da tutti. Jacopo Volpi parla di giornata uggiosa e difende Beppe Iachini, allenatore del Palermo, finalmente sbloccato in campionato. Tiziano Pieri arriva in ritardo e si pettina durante la pubblicità, mentre gli ospiti variabili sono Gianluca Zambrotta, che ormai ha dimenticato il trascorso juventino, e Beppe Galderisi, un ex attaccante, ex allenatore di Serie C e soprattutto un presidente Uisp camuffato, data la tendenza alla bontà e la sua difficoltà a seguire tante gare in contemporanea. Un datato spezzone di Marina Morgan (!!!!!) introduce il programma e il giro dei collegamenti porta agli anticipi Gianni Bezzi per Roma-Chievo 3-0 (esonerato Eugenio Corini e il suo look) e Stefano Mattei per Sassuolo-Juventus 1-1: ci spieghi come fa il 5-2-3 emiliano a essere spregiudicato. La gara seguita dallo studio Roma all’ora di pranzo è per Paolo Paganini, ovvero Fiorentina-Lazio 0-2, il derby mancato di Fabrizio Failla. Va ancora peggio a Giacomo Capuano per Atalanta-Parma 1-0 e Alberto Rimedio con Palermo-Cesena 2-1: il primo ha l’audio fasullo dallo stadio, il secondo ha il microfono che rimbomba e ammette la mediocrità delle squadre commentate. In questo marasma, ecco la classe di Stefano Bizzotto che dà una lezione di giornalismo sportivo commentando Torino-Udinese 1-0, anche ricordando il compianto Marco Ansaldo. Cagliari-Sampdoria 2-2 è roba per Marco Lollobrigida e il big match pane per Gianni Cerqueti. Verona-Milan 1-3 è montato a velocità supersonica e il buon Gianni finalmente, dopo un digiuno di sette giornate, utilizza il suo «chaaaaaaance», con la vocale strascicata. Elegantissimo Alessandro Antinelli per Inter-Napoli e i famigerati dubbi della vigilia. Si rivede anche un frame di Luigi Necco.

Per passare su Rai Sport 2, meta del famigerato chiacchiericcio a risparmio energetico, bisogna aspettare il finale di Rieti- Pescara di calcio a 5. Termina sul punteggio di 5-5, l’attesa tra un ponte e l’altro dura circa cinque minuti abbondanti. I “tempi supplementari” sono il solito strazio, nel ricordare anche che la prossima settimana sarà la più sfregiata del campionato: l’ironia di Mazzocchi e Volpi anche su questo è roba amarissima. Come mi manca la contemporaneità a tempo pieno delle gare!

Escludendo la Juventus e le due milanesi (sempre in mano o quasi a Gianni Cerqueti), possiamo fare un giochino. L’attribuzione degli inviati alle squadre, un po’ come si faceva una volta anche se, all’epoca, era tutta un’altra storia.

Atalanta → Federico Calcagno (il mitragliatore di parole).

Cagliari → Mario Franco Cao, che fa il corrispondente regionale.

Cesena →  Dario Di Gennaro.

Chievo Verona / Hellas Verona → Stefano Bizzotto.

Empoli → Antonello Orlando. Serve proprio mandarlo a fare le interviste e non i servizi?

Fiorentina → Fabrizio Failla. E guai a toglierla.

Genoa / Sampdoria → Paolo Paganini, obbligatoriamente.

Lazio / Roma → Marco Lollobrigida.

Napoli → Luca Pisinicca. Perché ha una voce particolare e fa simpatia.

Palermo → Roberto Gueli, che fa tutto … perché non 90° minuto?

Parma → Giacomo Capuano.

Sassuolo → Ciro Venerato: è il caratterista del terzo millennio. In collegamento per la B da Pescara e Lanciano, parla di punizioni come calci franchi e chiude ringraziando il curatore della mini sintesi, anche se è durata venti minuti.

Torino → Alberto Rimedio.

Udinese → Gianni Bezzi.

Ho escluso alcuni. Tipo Franco Lauro, che per me dovrebbe tornare immediatamente alla conduzione, oppure Luca De Capitani, bravino ma troppo anonimo in alcuni casi. romano-232x300 90°minuto, puntata 19-10-2014È un gioco – ci mancherebbe – figuratevi se qualcuno in Rai legge tutto ciò e prende spunto. Il sogno sarebbe un nuovo Maurizio Romano, proprio una bellezza mozzafiato…

 

E come sempre un abbraccio a quanti ci seguono dalle case di cura, di riposo, dagli ospedali e dalle carceri.

Massimo Maneggio

Per rivedere la puntata:

http://www.raisport.rai.it/dl/raiSport/media/90-minuto-afb32f3d-c9d5-4082-adac-9b81125d3961.html

Tempi supplementari: http://www.raisport.rai.it/dl/raiSport/media/-c90ed352-6d7e-45e5-993b-196cd3015b63.html

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here