Valerio Lionetti sempre più vincente: un altro titolo in bacheca

Letture: 1284

Valerio Lionetti allarga la sua bacheca di successi. Un dna vincente quello dell’intera famiglia, spesso protagonista nel campo della pallavolo, partendo da papà Sergio, passando appunto a Valerio, ma anche agli altri fratelli Roberto e Marco che raccolgono grandi soddisfazioni in questo sport.

Valerio Lionetti
Valerio Lionetti vice allenatore Imoco (foto da sito società)

Genetica e passione, due fattori chiave. Valerio, ora vice allenatore della Imoco Volley, ha conquistato il suo quarto scudetto di fila. Del resto, per vincere ed entrare nella storia c’è bisogno di tutte le componenti possibili, ogni ruolo è fondamentale e la competenza diventa necessaria per analizzare ogni movimento. Non a caso, Valerio è nello staff gialloblù con cui ha conquistato la serie record di 76 vittorie, il Mondiale per Club (ne parlammo anche in un articolo di qualche tempo fa), Champions League e tutti i trofei nazionali che hanno arricchito la bacheca di Conegliano in questi anni.

Egonu e compagne hanno un solido punto di riferimento in Valerio cresciuto… a pane e pallavolo.

Il curriculum sportivo: le sue prime tappe

Curriculum ricco quello di Valerio Lionetti, con le esperienze giovanili e poi l’avventura nella Milani Rende B2: fa lo scoutman e il secondo allenatore a Marco Mari e Salvatore Cocchiero. Poi avventura a Donnici con l’anno della promozione in B2 dove è il vice di Giacomo Bozzo.
Non solo area cosentina nei progetti, quindi “emigra” dalla Calabria e lo fa anche con il candore di chi si presenta in punta di piedi, volendo apprendere con umiltà tutti i segreti del mestiere.

Prima va nelle Marche, a Porto Potenza (AN), con il Volley Potentino, in B1 da scoutman e in seguito da secondo allenatore. Passa poi Loreto, Serie A1 maschile, come scout man e quando si chiude questa avventura sportiva… rimane in città, passando in A2 alla squadra femminile come vice allenatore con un palmares di due Coppe Italia di Serie A2 vinte.

Il giro d’Italia

Da lì nella storica Pesaro, in A1 femminile, come secondo allenatore. Come assistente c’è Daniele Santarelli (che poi lo chiamerà a Conegliano) nonché c’è Monica “Moki” De Gennaro come libero.
In seguito, altre tappe a Piacenza (A2 femminile) e poi a Filottrano (AN), sempre come vice.
L’anno dopo scende a Sud ad Agrigento, B1 femminile, come primo allenatore, conquistando i play off per l’A2 e ancora come primo a Scafati (B1 femminile), a stagione iniziata portando la squadra alla salvezza.

Gira l’Italia in lungo e in largo, ma l’approdo più bello è sempre l’ultimo. In Veneto a Conegliano, torna in A1 femminile, come assistente di Daniele Santarelli, scudetti, Supercoppe, il Mondiale per club e altro ancora per un escalation di soddisfazioni.

Da parte nostra, i complimenti ad un ragazzo che, inseguendo i suoi sogni, è riuscito a raggiungerli e a dimostrare come la competenza e l’amore verso il lavoro siano necessarie nella vita.

(in video una sua intervista dell’agosto 2021)