Time Gate, un romanzo di formazione ambientato all’Unical

Letture: 741

Con “Time Gate – il segreto della professoressa”, Stefania Di Biase ha collocato l’Unical al centro di un interessante romanzo, edito da Rossini.

Il libro è ambientato interamente in Calabria (principalmente Unical e Sila- Base dell’Aeronautica), non c’è una sola storia a comporre l’intreccio e si incontrano diverse tematiche, e ha al suo centro l’eterna lotta tra il bene ed il male, tra cos’è giusto e cos’è sbagliato, troverà nuove declinazioni e sarà diversa per ogni personaggio.

Da quanto letto, “Time Gate”, non è relegabile in un solo genere letterario. Può esser definito un fantasy, ma anche un romanzo di formazione. La storia si svolge nel futuro 2033 e nel passato 2009 contemporaneamente, tenendo con il fiato sospeso fino alla fine.

Un estratto dalla recensione di Tommaso Orsimarsi: “Assodato dunque che Stefania usi il genere fantasy come strumento, leggendo Time Gate si ci chiederà invano se usi dei tratti autobiografici, tanto è la maestria nel dominarli. Ma non vi ingannino i posti realmente conosciuti e frequentati dall’autrice, sareste riduttivi. I personaggi, i luoghi e le argomentazioni sono frutto di studio e costruzione, che se pur condizionati dal tratto autobiografico, è il mondo predisposto da una scrittrice”.

La futura presentazione del 4 dicembre di Time Gate

Il volume sarà presentato a Castrolibero e anche in altre piazze calabresi. I migliori auguri a un’autrice spesso protagonista nel sociale e attiva nella vita, per anni è stata consigliere comunale di San Vincenzo la Costa.