Riesumata la salma di Bergamini. Incongruenze con la vecchia autopsia

345

Laa bara di Denis Bergamini, custodita nel cimitero di Boccaleone (Argenta) in provincia di Ferrara, è stata trasferita a Cona e sui resti del calciatore del Cosenza sono stati effettuati i primi esami. Le condizioni del corpo sono integre, compatibilmente con gli anni trascorsi. Dopo la riesumazione avvenuta ieri, un’equipe di medici anatomopatologi per tutta la notte ha effettuato gli esami sul corpo del giovane calciatore che fu trovato morto sulla Statale Jonica, all’altezza di Roseto Capo Spulico nel 1989.

Dai primi riscontri emergerebbero incongruenze con ciò che si era capito con la prima autopsia, 28 anni fa che aveva attribuito il decesso a suicidio. Allora i medici dissero che il corpo di Denis presentava lesioni sulla parte destra del corpo, ma dopo questa notte le lesioni, e profonde, sarebbero invece state riscontrate sulla parte sinistra. Ma non è tutto, ci sarebbe anche un taglio longitudinale sospetto della testa del femore che a detta dei consulenti e dei periti apparirebbe anomalo e innaturale. Come racconta Fabio Anselmo, legale della famiglia Bergamini: “Lo squarcio si apre sulla pancia e quindi è evidente dai risultati che Denis fosse coricato supino e non prono, esattamente il contrario di quello che mostrano le fotografie dell’epoca”.

Per tutta la notte la sorella di Denis, Donata, è rimasta fianco a fianco degli esperti per assistere allo svolgimento degli esami. Analisi che si spera, questa volta porteranno alla verità sulla morte del calciatore del Cosenza Calcio. Oggi infatti i pm ipotizzano che si tratti di omicidio e per questo sono indagati la sua ex fidanzata e l’autista del camion che disse si aver visto Denis buttarsi sotto le sue ruote. “Quello che è stato fatto questa notte – dichiara Donata Bergamini – si sarebbe dovuto fare 28 anni fa”. Adesso i medici legali hanno 120 giorni, circa 4 mesi, per rispondere alle domande peritali e per fare una lunga e dettagliata relazione per i magistrati. I risultati ottenuti dalla riesumazione della salma dovrebbero rappresentare un passo importante per l’indagine dopo la riapertura del caso.