Noi giovani… e che facciamo a Bisignano ?

                                             

                                                                                        

Soli, pigri e apatici…

Ecco come ci sentiamo nei lunghi pomeriggi invernali, rintanati in camera a fissare lo schermo della tv o del nostro smartphone.

Lo spazio virtuale, rimpiazza il parco naturale immerso nel verde come punto d’incontro oppure sostituisce, nei mesi estivi o nelle settimane invernali, le solitarie panchine del viale Roma.

Eppure molti di noi hanno voglia di fare sport, di divertirsi semplicemente sfogliando un libro o imparando uno strumento musicale o semplicemente interessandosi di ciò che accade nel mondo.

MA DOVE POTER FARE TUTTO CIO’???????????????????

Invece, chattare su Facebook, farsi seguire su Instagram, sembra l’unica cosa che sappiamo fare; e siamo sempre più soli e chiusi…

 In molti paesi del nostro mezzogiorno i nostri coetanei, all’ uscita di scuola, hanno pronto un calendario di attività per il resto della settimana.

 Lunedì si fa corso di inglese, martedì corso di pasticceria e la sera una cena con gli amici, mercoledi 1 ora di piscina ed una di equitazione ecc… Un elenco impressionante di impegni ed attività, quasi come un agenda lavorativa di una persona adulta tanto che, molti psicologi reclamano per questi ragazzi la necessità dell’ ozio, del piacere di essere spensierati e quindi, semplicemente il piacere di essere ragazzi, di rallentare per vivere la propria età come si dovrebbe.

MA CHE RALLENTARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Noi ragazzi di Bisignano chiediamo di ripartire!

Chiediamo di avere una giusta collocazione per trascorrere il nostro tempo libero, per divertirci, per confrontarci, per combattere la “noia”, quel sentimento di pericolosa inutilità che ci affligge e, a volte, ci fa annullare noi stessi, ci porta a perdere la bellezza e l’entusiasmo della nostra gioventù.

Noi, abbiamo paura di non essere più protagonisti della nostra vita, non vogliamo ” lasciarci vivere” senza provare a dare una svolta a ciò che non ci piace. Gli adulti devono raccogliere il nostro grido di aiuto, soprattutto quando i nostri comportamenti sono provocatori e non facili da gestire!!! 

Chiediamo che  il nostro pomeriggio sia fitto di impegni!

Chiediamo che il nostro Comune ci venga INCONTRO.

 

 

Motta Bruno, Velardi Angelo, Pancaro Maria Cristina, Pace Luca, Molinaro Ilenia, Calabrese Ilaria.

 

 3B I.T.T
ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE “E. SICILIANO” BISIGNANO

1 commento

  1. bisogna ripartire o saremo costretti tutti a ….PARTIRE! ma il futuro dipende da noi giovani inutile aspettare la manna dal cielo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here