Nicoletti: Sono perplesso per la strumentalizzazione del Consiglio

1538

CONSIGLIO…INCREDIBILE…SENTI CHI PARLA!!!

 

lucantonio-nicoletti-provRimango non solo perplesso, ma soprattutto divertito dalla immediata e patetica strumentalizzazione del Consiglio Comunale odierno, proprio da parte di chi ha deciso di “snobbarlo” e che non ha perso tempo per fare la solita predica sui social (forse già pronta considerata la tempistica???!!!).

E’ chiaro a tutti che chi ha deciso di rimanere in assemblea e cogliere l’occasione per votare NO con decisione al punto all’ordine del giorno sul bilancio, non può essere additato per la questione del numero legale perché la maggioranza avrebbe potuto aggiornarsi e approvarlo ugualmente.

Forse dà fastidio chi decide di andare controcorrente e di metterci la faccia, rispettando il mandato ricevuto dagli elettori, cercando di difendere nelle sedi opportune i bisogni della gente comune.

Comunque è proprio vero che chiarezza è fatta: c’è chi intende il cambiamento come impegno quotidiano sul territorio, insieme a chi è sempre stato contrario a questa amministrazione, e chi invece lo intende come un percorso fatto insieme a compagni di viaggio che più volte lo hanno tradito, che cambiano spesso casacca, che non hanno mai permesso di raggiungere quella sfrenata e “sempre attuale” ambizione a chi non ha perso tempo a “stigmatizzare” l’operato di un giovane consigliere che intende la politica come un servizio per portare benefici alla comunità e non come la solita accozzaglia per vincere le elezioni.

Purtroppo in questa fase si cerca di ribaltare la realtà: chi oggi decide di non presentarsi nel più importante appuntamento della vita politica non si rende conto di essere il maggiore alleato di questa “sconclusionata e deleteria” maggioranza a cui oggi ho avuto l’onore di dire NO in maniera chiara ed inconfutabile.

Invito comunque tutti a seguire la registrazione del Consiglio Comunale per farsi un’idea della realtà dei fatti senza affidarsi alle interpretazioni ed ipotesi di chi non era nemmeno presente.

Lucantonio Nicoletti