Meno chiacchiere, più fatti per Bisignano

1962

Cari amici,

la politica del fare è quella che va perseguita giorno dopo giorno e, con pieno spirito, cerco di applicarla nei contesti di appartenenza, in campo provinciale e bisignanese.

Con la delega provinciale all’edilizia scolastica, che riguarderà 103 scuole sulla Provincia, e dove a breve passeremo per individuare le esigenze strutturali, andremo ad ascoltare i dirigenti scolastici, testando con mano anche i disagi che spesso si vivono nei nostri luoghi di formazione, nonchè nei luoghi dove i giovani praticano sport.

lucantonio-nicoletti-provFinalmente la Provincia di Cosenza, di cui sono consigliere da due anni, ha una nuova forma: non è più Cosenza-centrica, a causa dell’ex presidente Mario Occhiuto, ma si allarga giustamente su tutti i territori, a monte, a valle e sulle due fasce marittime. Noi consiglieri non abbiamo più un ruolo minimo, bensì possiamo dare più spazio alle istanze dei tanti comuni che compongono l’intero hinterland cosentino.

A breve inizieranno su Bisignano gli interventi per la messa in sicurezza delle Sp 234 e Sp 239, strade ridotte in condizioni disastrate e comunque monitorate dagli addetti che, in ogni figura, non risparmiano il loro impegno. Con i dirigenti abbiamo sbloccato un progetto per riprendere sui tratti più disastrati la consueta normalità: bitumazione, taglio e pulitura di cunette nonché dell’erba.

Cerchiamo di portare risultati… per quanto riguarda la politica locale, da consigliere comunale sto sentendo tante cose. La situazione del primo cittadino politicamente è insostenibile, c’è un continuo balletto al ruolo con il facente funzioni che porta disagi alla cittadinanza. Sento parlando di nuove coalizioni, nuove liste, mi accorgo che qualcuno tratta la politica come fantapolitica: sento i soliti nomi, spostati di qua’ e di là. Bisignano ha bisogno di un progetto nuovo, serio e duraturo, con persone che stanno sul territorio a 360 gradi, affrontando argomenti che conoscono per la passione di vivere il territorio, senza stare seduti.

Noi andremo avanti per la nostra strada e, prossimamente, terremo un incontro pubblico dove spiegare meglio le nostre motivazioni, il nostro unione di intendi. Faremo capire alla gente la nostra voce e ascolteremo la voce del pubblico e dei bisignanesi: c’è un progetto, ci stiamo lavorando e dobbiamo essere discontinui con il passato, che non ha portato miglioramenti, anzi. I fantapolitici non ci appartengono, si accusano reciprocamente e Bisignano non ha bisogno di ciò.

Lucantonio Nicoletti