Il bisignanese Francesco Cairo è il miglior medico al mondo contro la parodontite

Letture: 32319
R&B Sport


In base alle sue pubblicazioni scientifiche pubblicate negli ultimi dieci anni, il medico bisignanese Francesco Cairo, è stato valutato come massimo esperto mondiale di patologie gengivali.

Il dott. Cairo, responsabile dell’unità ricerca in parodontologia dell’Università di Firenze, si dice “onorato del riconoscimento”, ottenuto dal sito americano “Expertscape” noto per diffondere la conoscenza della letteratura medica.

Nel settore delle malattie gengivali, Francesco Cairo è infatti considerato il primo specialista al mondo in base alla letteratura medica pubblicata nel 2008.

La notizia è stata riportata da un giornale nazionale che racconta dello “specialista fiorentino” come miglior medico al mondo contro la parodontite. Ma è lui stesso a dichiararsi “bisignanese orgogliosissimo” e in tal proposito ci racconta di un simpatico aneddoto: “Qualche anno fa feci una conferenza ad Amstedam in cui mi chiedevano di dedicare 5 minuti ad un grande artista della mia città. Credevano parlassi di un artista fiorentino: li sorpresi tutti parlando di Nicola De Bonis”.

Il dott. Cairo infatti, dopo gli studi al liceo scientifico di Bisignano, nel 1993 proseguì gli studi a Siena. Oggi, nel quartiere Careggi di Firenze, è responsabile unità parodontologia dell’Università di Firenze.

Come evidenziato nell’articolo che sui social network ha riempito di orgoglio bisignanesi e fiorentini, si stima che almeno l’80% della popolazione sia affetta da malattie gengivali ed il 40% ha una parodontite avanzata. “E’ importante per noi divulgare la conoscenza delle malattie gengivali e in particolare della parodontite” afferma il medico 44enne. “Nel nostro reparto ci occupiamo di diagnosi e cura” – continua Cairo: “utilizzando trattamenti chirurgici e non, per arrestare la patologia ed intercettare le complicanze. Una corretta igiene orale, andare spesso dal dentista, avere uno stile di vita sano e non fumare sono fattori di prevenzione”.