Cyberbullismo, un pericolo da non sottovalutare

Letture: 602

Il cyberbullismo è un triste fenomeno da analizzare. Consiste in tutti quegli atti di tipo offensivo e prevaricatorio a danno di una persona, attraverso l’utilizzo dei social network, delle chat e in generale della rete Internet.
E’ un problema che ha le sue radici nel classico bullismo, ovvero l’esposizione ripetuta ad attivi aggressivi e violenti da parte di uno o più soggetti nei confronti di un singolo.

In una società come quella attuale, in cui l’uso della tecnologia è sempre più diffuso e internet è facilmente accessibile, quindi il bullismo ha trovato il modo di arrivare sulla rete, trasformandosi in cyber bullismo.

È un fenomeno non sempre noto agli adulti e a bambini e ragazzi, per cui è fondamentale trasmettere informazioni e aprire e mantenere un dialogo sull’argomento.

Il cyberbullismo ha effetti evidenti sul comportamento della vittima, come possono essere le crisi delle relazioni, l’ isolamento sociale, stati d’animo depressivi, difficoltà nel rendimento scolastico. Tali effetti possono manifestarsi in diversi modi, a seconda dei seguenti fattori come: l’età della vittima, il contesto ambientale e il contesto sociale.

Quando si naviga su internet si rischia di essere vittima dei pericoli della rete. Sui social potremmo essere contattati da coetanei che, in realtà, hanno cattive intenzioni o peggio ancora da quanti si mascherano sotto profili fake. Il pericolo maggiore è di essere esposti a scene di violenza, aggressioni, challenge e sfide rischiose, siti pericolosi e quant’altro.

Gli adolescenti di oggi corrono dunque il rischio di sottovalutare questo pericolo. E’ pur vero che siamo diventati praticamente dei figli della tecnologia, ma troppe volte non siamo adeguatamente informati. Il pericolo è di esporci e renderci potenziali bersagli della rete, ignari dei pericoli e inconsapevoli delle conseguenze di ciò che fanno.

Linda Fusaro IIIB Liceo

Ilenia Maiuri IV B Liceo

Ascoltalo anche in podcast