Comunicato in merito alle frane e smottamenti sul territorio

In merito alla situazione di località Fria, interessata dagli smottamenti verificatisi a causa delle abbondanti piogge cadute nello scorso inverno e di cui si è occupata la stampa nei giorni scorsi, l’Amministrazione Comunale di Bisignano ricorda che sulla zona in questione è stato chiesto e attivato il monitoraggio dalla Regione Calabria, realizzato dai tecnici del CNR, con un interessamento diretto dell’Assessore ai lavori pubblici Gentile e dei tecnici Ing. Siviglia e Ing. Gullà…

Nonostante la presenza delle frane, questa Amministrazione Comunale ha comunque reso percorribile, con tanti ed immediati interventi, il tratto di strada che conduce fino alle abitazioni della zona.

Va precisato che la strada interessata dalla frana era già in via di sistemazione, in quanto si stava dando esecuzione ai lavori di rifacimento del manto stradale e che la stessa era stata chiusa precedentemente al traffico perché ereditata, come tutte le altre, in condizioni disastrose.

Questo periodo di attesa per la definitiva sistemazione dell’area è dovuto non ad una trascuratezza del problema da parte di questa Amministrazione, ma ai trasferimenti statali che tardano ad arrivare ed ai tempi tecnici della macchina amministrativa regionale che si è insediata da pochi mesi e che sicuramente nel prossimo autunno, non appena gli uffici preposti saranno nel pieno delle loro funzioni, saprà dare le giuste risposte, concedendo a Bisignano quei finanziamenti che sono stati preventivati e su cui è stata data piena rassicurazione. E comunque, un ringraziamento particolare va alla Protezione Civile Regionale che ha provveduto ad inviare 3 containers capaci di ospitare sei nuclei familiari, che sono stati immediatamente ubicati in C.da Fria.

La stessa situazione riguarda il Santuario di Sant’Umile, la cui riapertura sta molto a cuore a questa Amministrazione Comunale, tanto che da contatti presi tempestivamente con il presidente Scopelliti e  l’attuale Giunta Regionale, Bisignano è rientrata nei finanziamenti che il Ministero dell’Ambiente destinerà alla Regione Calabria.  Per conoscere l’entità del finanziamento e per poter quindi iniziare le procedure per i lavori di consolidamento bisognerà però attendere il decreto regionale.

Teniamo a precisare che questa situazione di attesa, non riguarda solo Bisignano, ma tutti i paesi della Calabria interessati dalle calamità naturali dello scorso inverno, tanto che anche Comuni con situazioni ben più gravi delle nostre sono ugualmente in attesa di finanziamenti regionali da destinare alla messa in sicurezza del territorio.

Per quanto riguarda il presidente della Provincia Oliverio, il quale preferisce parlare con gli amici piuttosto che con l’istituzione Comune, penso sia doveroso ricordare che non solo non ha fatto nulla per il Santuario, ma basta circolare per le strade della provincia, a partire da Mongrassano Scalo, per accorgersi che si è occupato del nulla anche lì, come nelle innumerevoli criticità che riguardano il territorio provinciale:

di dispensatori di fumo ce ne sono già tanti in giro, non ci si metta pure lui.

 L’Amministrazione Comunale

(Comunicato Stampa del 13-08-2010)

2 Commenti

  1. Questo comunica è osceno. Innanzitutto per come è scritto. Se si tratta di un comunicato ufficiale dell’amministrazione comunale, la considerazione “penso sia doveroso ricordare che non solo non ha fatto nulla per il Santuario” e a seguire cozza col resto del testo. E’ l’amministrazione chi redige il comunicato o un singolo, magari il sindaco? Il sottotesto del comunicato poi non sfugge alla solita solfa: mal comune mezzo gaudio!

  2. Questo più che un comunicato stampa è un ennesimo comizio, scritto fra l’altro pure male, dato che si ammettono i propri fallimenti(..ovvero il non riuscire a risolvere i problemi causati dal maltempo dello scorso inverno..) attribuendone le cause alle scorse amministrazioni. Per quanto riguarda il Santuario è meglio stendere un velo pietoso, dovrebbero vergognarsene tutti, amministrazione, famiglia (.di cosa poi..) francescana e comitati vari. Tutti cercano di sfruttare le situazioni per avere degli effimeri vantaggi personali senza minimamente pensare al bene comune. Siamo all’ultimo stadio della vergogna…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here