Cinghiali in libertà a Bisignano: un problema che cresce

Letture: 4182

Il pericolo dei cinghiali arriva anche a Bisignano. Sia nelle campagne e sia nei centri abitati, tanto è vero che in zone del centro storico e nelle strade del campo sportivo, gli animali nelle ore notturne fanno scorribande.

Come priorità è assolutamente necessario assicurare la giusta tutela del lavoro di chi si guadagna da vivere in campagna, la sicurezza delle persone e la vivibilità dei luoghi.

Purtroppo anche la nostra provincia non è immune e i danni procurati dalla fauna selvatica in generale sono all’ordine del giorno

L’allarme è stato anche lanciato da Francesco Cosentini, direttore di Coldiretti Calabria: “Non siamo invasi dagli UFO, ma dai cinghiali si! Gli agricoltori  seminano e coltivano e i cinghiali raccolgono. Dove andremo a finire? Ormai la presenza dei cinghiali è una costante e  la loro proliferazione è incontrollata.

Nonostante una presenza maggiore dei selecontrollori che ripetutamente avevamo chiesto alla Regione, nelle campagne, ma anche nei centri urbani – prosegue Cosentini – le persone devono cedere il passo agli animali”.

La protesta in Regione sui cinghiali

Davanti alla cittadella di Germaneto, qualche giorno fa la protesta degli agricoltori. Stanchi di veder alle ortiche il seminato e delle scorazzate di questi pericolosi animali in libertà.

La mobilitazione è stata organizzata – sottolinea ancora la Coldiretti Calabria – per sollecitare l’amministrazione regionale. Che dovrà intervenire in modo deciso e risoluto nella gestione e risoluzione di questa incresciosa problematica.

Una presenza non più tollerabile quella degli ungulati che ormai assediano senza alcun contrasto spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini.