Bisignano, la Pro Loco spiega cos’è successo per l’estate

Letture: 4600

COMUNICATO STAMPA Pro Loco Bisignano

L’antico motto che recita “non c’è mai fine al peggio“ ci sembra molto calzante per la vicenda che ci vede coinvolti come Pro Loco Bisignano e che riguarda il calendario della programmazione delle manifestazioni bisignanesi estive per l’annualità 2023.
Ma andiamo per ordine e partiamo dal consiglio comunale del 26 Luglio c.a quando la Pro Loco a titolo gratuito e senza giustificate motivazioni è stata attaccata gratuitamente da qualche consigliere della inesistenza della stessa ASSOCIAZIONE con l’aggiunta gratuita di essere politicizzata: precisiamo che al momento la Pro Loco APS di BISIGNANO è l’unica iscritta del territorio bisignanese all’Albo Regionale ed al MEF terzo settore e conta 41 anni di storia.
Per mettere a conoscenza di chi non sa o di chi fa finta di non sapere, la Pro Loco bisignanese non è una associazione che risponde ad una parte politica bensì, anzi, in maniera seria e trasparente rappresenta con i suoi numerosi iscritti tutta la società civile della nostra città; pertanto non è certo uno strumento politico di parte come rozzamente si vuol far credere, ma storicamente è l’associazione in assoluto atta alla promozione e valorizzazione del territorio come dimostrato dalle svariate manifestazioni fatte a prescindere dal colore politico delle amministrazioni che si sono succedute negli anni. Evidentemente chi ha mosso tale accusa è poco informato sul reale significato di Pro Loco visto anche gli investimenti, cofinanziamenti o quote di bilancio, praticamente pari a zero, che l’Ente ha destinato ad essa.
Il direttivo ritiene doveroso puntualizzare alcuni dati di fatto a tutela dei suoi associati e del suo operato.

Negli ultimi mesi, infatti, non solo non sono state comunicate (formalmente e informalmente) iniziative che avrebbero dovuto coinvolgere la Pro Loco ma la stessa è stata sistematicamente esclusa dall’Amministrazione Comunale da qualsiasi attività volta alla promozione del territorio o programmazione ricreativa e culturale, a volte anzi impadronendosi di iniziative ideate dalla stessa Pro Loco e cofinanziata dalla precedente Amministrazione Comunale come “La vetrina più bella di Bisignano”, concorso social svoltosi durante il periodo natalizio. Seppur esclusi totalmente dall’iniziativa la Pro Loco non ha mai inteso polemizzare ma altresì proporsi per una sana collaborazione.

Ribadiamo ulteriormente la totalità estraneità a dinamiche di natura politica, confermando la volontà a collaborare con l’Ente Comunale per raggiungere gli obiettivi previsti nello Statuto dell’associazione. Duole far presente che, nella speranza di un nuovo percorso e pensiero da parte di questa amministrazione, non si è mai tenuto un tavolo di concertazione attraverso il quale si possa concordare un programma di attività a lungo termine e soprattutto che permetta concretamente alla Pro Loco, ed a tutte le associazioni sul territorio, di avere gli strumenti finanziari per rafforzare la propria attività istituzionale.

Pertanto, a nostra tutela, abbiamo dato mandato al Presidente Regionale e membro nazionale UNPLI, ad istituire un tavolo di concertazione con l’Ente per far comprendere il valore e l’esistenza di questa associazione sul territorio bisignanese che tanto deve al sacrificio e lavoro di tanti soci che talvolta supportano autofinanziandosi le attività da svolgere.

La Pro Loco di Bisignano è un’associazione libera che si propone per essere strumento di promozione del territorio e di aggregazione per tutte le altre associazioni che perseguono solo la crescita sociale e culturale della nostra comunità.
Auguriamo a questa amministrazione comunale un buon lavoro con l’auspicio che da oggi possa cambiare il pensiero non solo verso la nostra associazione ma verso tutte le associazioni sul territorio bisignanese intraprendendo insieme un percorso di crescita per la nostra bella BISIGNANO.
In attesa di una formale smentita di quanto improvvidamente dichiarato nel civico consesso e di un celere riscontro a quanto proposto con la presente, porgiamo distinti saluti.