Un bar a scuola, il punto di ritrovo piacevole per i ragazzi

Letture: 1096

Com’è avere un bar all’interno di una scuola superiore? Per rispondere a questa domanda abbiamo intervistato Maria Teresa Taranto, proprietaria del bar all’interno dell’ IIS di Bisignano.


Perché avete scelto proprio questo lavoro? Cosa vi piace di più di esso?
Ho scelto questo lavoro per passione, perché mi piace e perché amo stare a contatto con i ragazzi e le persone in generale.

Perché avete scelto questa scuola?
La scuola non è stata scelta da noi, poiché per ottenere un posto per aprire un bar all’interno di una scuola si deve partecipare ad un bando. Noi abbiamo partecipato ad un bando che offriva il posto in questa scuola e, concorrendo con altre sei ditte, abbiamo avuto questa opportunità.

 Da quanto tempo siete in questa scuola?
Siamo ormai in questa scuola da ben 13 anni, infatti abbiamo vinto il bando nell’ormai lontano 2010.

Cosa ne pensate di questa scuola? E delle persone che lavorano all’interno dell’istituto?
Questa è un ottima scuola, e ci troviamo molto bene, infatti andiamo d’accordo con tutti. Con i professori ci conosciamo ormai da tanti anni e abbiamo un ottimo rapporto, sono tutte persone stupende e molto simpatiche. Il nuovo dirigente scolastico, nonostante sia arrivato da poco tempo, si è mostrato sin da subito una bravissima persona, eccellente e generosa.

Cosa pensate degli studenti? Com’è il vostro rapporto con loro?
Sono tutti dei ragazzi fantastici, e ormai abbiamo un buonissimo rapporto con loro, infatti c’è molta confidenza con la maggior parte di loro.

Avete mai pensato di assumere qualcuno?
Si, infatti nel corso degli anni abbiamo assunto diverse persone della zona, tra cui molti ragazzi.

Si vive bene possedendo un bar? Dovete pagare per stare all’interno della scuola?
Prima si viveva meglio, ma ora con questa crisi che sta sconvolgendo il mondo è molto più faticoso andare avanti. Ovviamente non stiamo qui gratuitamente ma dobbiamo pagare un affitto alla provincia

 Dove rifornite il bar?
Ci riforniamo negli ingrossi, alcuni rappresentanti vengono da noi e in altri casi siamo noi ad andare da loro a fare le ordinazioni di tutto quello che ci serve all’interno del bar.

Se potreste tornare indietro prendereste le stesse decisioni o cambiereste qualcosa?
Anche se avessi l’opportunità di tornare indietro nel tempo non cambierei niente, prenderei le stesse decisioni che ho preso per arrivare dove sono oggi, cioè in questa bellissima scuola.

Linda Fusaro – Ida Rosa Arnieri IIIB