2015, un anno di fatti

 BISIGNANO Come prima notizia dell’anno in terra cratense vale la pena concentrarsi… sull’anno appena passato. È stato un 2015 abbastanza turbolento a Bisignano, dove non è mancato davvero nulla per la cronaca, la politica e per i tanti avvenimenti che hanno fatto riflettere. Così, scegliamo un argomento per ogni mese, dodici mini riepiloghi di quanto accaduto nella città di Sant’Umile.

GENNAIO Si parte con una buona notizia, già annunciata nelle festività natalizie, ovvero l’assunzione a tempo determinato dei 43 lsu-lpu in organico già al municipio. Una soddisfazione che arriva dopo tanti anni d’incertezze per numerose famiglie bisignanesi.

FEBBRAIO Inizia il triplete della “Piazza”. Il quartiere del centro storico vince l’edizione 2015 delle “Serenate” e, nel mese di giugno, completa la festa aggiudicandosi il torneo calcistico tra i quartieri e, carmine-bisignano-piazza-2015-palio-300x225 2015, un anno di fattisoprattutto, conquista per la prima volta il “Palio” con il cavaliere Carmine Bisignano. Festeggiamenti iniziati a febbraio, sotto il freddo pungente, e proseguiti sotto… la pioggia battente di fine giugno. San Valentino, però, è stato propizio per il quartiere colorato di rosso.

MARZO Lo sport inteso come fair play e a un passo dalla vittoria: la Consuleco Volley Bisignano persegue nella sua missione sportiva e sfiora la vittoria della Coppa Calabria di pallavolo maschile. Dopo aver battuto squadre agguerrite come Praia e Roccella, il sogno bisignanese si interrompe sul neutro di San Giovanni in Fiore perdendo, nelle battute conclusive, contro la più quotata Tonno Callipo Vibo. Una grande vetrina, comunque, per la città bisignanese e per la pallavolo, che ha riconquistato il cuore dei tifosi cratensi.

APRILE Arriva la notifica di sospensione per il sindaco Umile Bisignano. Il Consiglio di Stato annulla quanto stabilito, nel mese di dicembre, dal Tar Calabria, che aveva permesso a Umile Bisignano di tornare a occupare la carica di sindaco. Nel mese di luglio 2014 era stato sospeso dal ruolo dopo la condanna ricevuta per concussione a tre anni e sei mesi in primo grado di giudizio dal Tribunale di Cosenza (pena ridotta poi a due anni e otto mesi). Damiano Grispo, così, ritorna a occupare il ruolo di sindaco facente funzioni.

umile 2015, un anno di fattiMAGGIO Sant’Umile diventa ufficialmente patrono della città di Bisignano, proprio nei giorni di ricorrenza della sua canonizzazione, risalente al 19 maggio 2002 per opera dell’allora papa Giovanni Paolo II. Tutto ciò per merito di monsignor Salvatore Nunnari che si conceda dall’arcidiocesi Cosenza-Bisignano con questo importante gesto religioso per l’intera comunità cratense e non. Inoltre, Frank Bisignano diventa ufficialmente cittadino onorario.

GIUGNO Risultare in Italia tra i primi 53 istituti scolastici italiani e perdere l’autonomia scolastica: succede all’istituto superiore “Enzo Siciliano” che, dopo la carrellata di riconoscimenti stagionali, rischia di perdere i diritti faticosamente guadagnati. A causa di un ricorso luzzese, il “Siciliano” perde la propria autonomia e inizia, da questo momento, la battaglia per riottenerla.

LUGLIO Nell’aula di Collina Castello maggioranza e opposizione sono tornati a discutere dei conti, vero emblema del Comune cratense. La maggioranza, dove è stato il sindaco facente funzioni Damiano Grispo a relazionare, ha riproposto i temi più importanti del bilancio, sottolineando come lo sforzo unico sia quello di preservare la città di Bisignano da ogni possibile catastrofe economica, nonostante i tagli dal Governo centrale e le difficoltà che, quotidianamente, si vivono.

AGOSTO Insorge qualche campagna. A lamentarsi sono gli abitanti del Pucchio e di Macchia Tavola, contrade agli esatti opposti geografici ma con problemi grossomodo simili: incuria, strade poco praticabili, rifiuti sparsi e poca considerazione. Caratteristica comune delle zone più periferiche è la protesta estemporanea, che si ripete ciclicamente e sempre con le stesse tematiche.

SETTEMBRE Il 19 settembre sparisce una ragazza e ciò diventa ben presto un caso nazionale. FB_20150926_Saved_Picture-225x300 2015, un anno di fattiAlexandra Roxana Radac lascia la sua abitazione di via dei Cappuccini e scompare nel nulla: il caso coinvolge sia le forze dell’ordine italiane, nonché il consolato e la gendarmeria romena. La città di Bisignano, inoltre, è protagonista per due volte del programma “Chi l’ha visto?” e, ancora oggi, a distanza di alcuni mesi non è emerso nulla di particolarmente rilevante sull’intera vicenda.

OTTOBRE Esordio ok per i gruppi del “Megafono” e di “Movimento popolare” con la prima davanti al pubblico cratense che è da considerarsi un buon auspicio per il lavoro futuro. Le nuove formazioni hanno esordito davanti al pubblico bisignanese nella sala “Rosario Curia” del viale Roma, raccogliendo subito grandi consensi e, in generale, il beneplacito da chi considera la politica cratense prossima a un momento di rinnovamento.

morise-con-giocatori-300x169 2015, un anno di fattiNOVEMBRE Riemerge il caso Consuleco ed è significativo il gesto della Volley Bisignano, che è scesa in campo con la divisa #dallavostraparte. La società di depurazione rischia dopo anni di non poter operare sul territorio bisignanese e quaranta dipendenti possono perdere il loro posto di lavoro. Una situazione che potrebbe essere anche uno dei temi più caldi nei prossimi giorni, in quanto il Comune ha inteso affidare la gestione dei depuratori comunali a un’altra società, la Smeco Lazio.

DICEMBRE Il “Siciliano” riacquista l’autonomia ed è quasi bagarre con Torano Castello, il cui liceo classico sarà accorpato all’istituto bisignanese e non più al “Gioacchino di Fiore” di Rende. Tante le polemiche per il risultato ottenuto dal consigliere provinciale-comunale Lucantonio Nicoletti, che viene ribaltato praticamente negli ultimi istanti dell’anno dal Consiglio regionale: ne parleremo, di tutto ciò, in un altro articolo.

Massimo Maneggio

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here