Problemi zona industriale, interviene Francesco Rosa

francesco-rosa-239x300 Problemi zona industriale, interviene Francesco RosaIl presidente della Cna Cosenza, Francesco Rosa, ne ha per tutti. Il giovane imprenditore bisignanese, impegnato nel settore agro-alimentare e rappresentante delle piccole e medie imprese sul Cosentino, ha lanciato un duro monito per quanto concerne la zona industriale di Bisignano. La città di Sant’Umile vive da paradossi e sull’industria emergono tanti rimpianti, a causa di un agglomerato facilmente raggiungibile (grazie allo svincolo autostradale di Torano collocato a un chilometro) ma, allo stesso tempo, è anche uno dei più abbandonati. Prima di addentrarsi nella analisi sulla zona industriale bisignanese, Francesco Rosa ha espresso un suo giudizio sulle vicende giudiziarie che hanno colpito Umile Bisignano, sospeso attualmente dalla carica da primo cittadino: «Il sindaco è stato condannato in primo grado per concussione e, da presidente Cna, penso che questo sia gravissimo. Qualora le accuse siano poi confermate nei successivi gravi di giudizio, sarà dimostrato che un imprenditore, a cui va il mio pensiero, ha subito delle vessazioni dal primo cittadino. Questa è l’immagine della peggiore Calabria e porta a vedere la città di Bisignano sotto un’altra luce nei riguardi degli enti e degli imprenditori che vogliono investire sul territorio. Mi auguro solo che Umile Bisignano esca innocente da questa vicenda, perché la città merita di essere famosa per altro».

Così, Francesco Rosa passa alla analisi dell’agglomerato industriale e non nasconde la sua forte preoccupazione per lo stato in cui versa: «Messa così, l’area non serve a niente. Vi sono delle aziende con 50-100 dipendenti e mancano i servizi primari, le fognature, il cablaggio, la rete elettrica adeguata e altro ancora. Latitano le adeguate comodità ma c’è chi, come il sottoscritto, paga ben 11mila euro con la sua azienda solo di Imu l’anno, più altri 3-4mila euro circa di tasse sui rifiuti per dei servizi insufficienti. A differenza di altre aree, solo a Bisignano non si interviene per migliorarla». Le responsabilità sono da attribuire al poco interesse dei politici per il presidente: «Manca una progettualità, soprattutto da parte dell’attuale amministrazione comunale, perché non siamo rientrati negli interventi previsti dalla Regione Calabria e nessuno ha aperto bocca. Come si fa ad essere competitivi e ad attrarre nuovi investitori, se già noi paghiamo tutto di tasca nostra e abbiamo sempre più problemi? Bisogna impostare una politica seria sull’imprenditoria». Rosa con la Cna ha intrapreso un preciso indirizzo: «Come presidente sto cercando di valorizzare quest’area bisignanese, cerchiamo di ripopolarla anche con altri imprenditori. Ora propongo  – ha aggiunto – un tavolo concertativo con la Regione e con i rappresentanti comunali. Almeno, si investa sulle nuove leve e sui giovani: non li dovranno accogliere con l’Imu alle stelle ma, anzi, dovranno fornire sgravi e facilitazione per fare in modo che si adoperino al meglio, creando delle nuove risorse lavorative».

Massimo Maneggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here