VIII rassegna “Luzzi a Cappella”

642

Luzzi “a cappella”: VIII edizione dell’evento musicale

Come di consueto, ci ritroviamo dopo un anno esatto per un evento musicale divenuto ormai stabile protagonista musicale nel cartellone dei festeggiamenti della Chiesa parrocchiale dei Sacri Cuori di Luzzi, in occasione dell’anniversario di Dedicazione della stessa. Stiamo parlando della Luzzi “a cappella”, giunta all’ottava edizione, promossa come al solito da una realtà musicale consolidata nel nostro territorio, la Corale Iubilate Domino, diretta dal M° Angelo D’Ambrosio, nonché direttore artistico dell’evento in collaborazione con la Parrocchia dei Sacri Cuori col sempre vivo sostegno del parroco don Pasquale Traulo. L’VIII rassegna, svoltasi nella predetta Chiesa il 7 dicembre scorso alle ore 18.30 e patrocinata la Comune di Luzzi e dalla Banca BCC Mediocrati, ha visto l’esibizione di 6 formazioni corali: il polifonico REDEMPTORIS CUSTOS di Scigliano (CS) – direttore Nada Aramini, il coro gregoriano MONSERRATO di VALLELONGA (VV) – direttore M° don Vincenzo Barbieri, l’ensemble AURORAE di Catanzaro – direttore M° Roberto Nadiani, il gospel choir BLACK & WHITE di Cassano allo Ionio (CS) – direttore M° Maria Risolè, la polifonica NOVA VOX AUREA di Castrovillari – direttore M° Agnese Bellini, e, infine, la promotrice polifonica IUBILATE DOMINO di Luzzi appunto – direttore M° Angelo D’Ambrosio insieme ai Pueri Cantores. Durante la serata, il contesto musicale di riferimento si è mostrato davvero dinamico e coinvolgente, passando dal gregoriano ai mottetti del ‘500, dalle laude del XVII sec. di Scipione Calabrese da Castrovillari al gospel, dai classici natalizi ai brani contemporanei, per elevare col canto un’unica lode al Signore, unico fine e anello di congiunzione della Luzzi “a cappella”.  Durante la serata, infatti, molte le interazioni con gli ascoltatori da svariati luoghi vicini e lontani, che in questo modo hanno potuto partecipare virtualmente alla diretta, coadiuvati dall’operatore Francesco Ciacco, in cabina di regia, e dalla speaker Angela Altomare. Tradizione vuole che la rassegna si chiuda con un brano eseguito a cori uniti, quest’anno è stato scelto il brano Cantate Domino di Valentino Miserachs, dal salmo 95 – accompagnati all’organo dal M° Diego Ventura e alla tromba dal M° Pasqualino De Rose; un inno alla grandezza di Dio: Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore uomini di tutta la terra. Quale modo migliore per concludere una manifestazione che, annualmente, si rivela un momento di comunione musicale, mantenendo sempre alto il livello di professionalità musicale; un momento fraterno per conoscersi e confrontarsi, valorizzando le proprie potenzialità; un momento di fede che, in questa ultima edizione, attraverso il M° D’Ambrosio, ha avuto l’onore di ricevere i saluti del Direttore musicale emerito della Cappella Sistina, il M° Mons. Giuseppe Liberto, tramite un monito davvero adatto all’occasione: Divertitevi e convertitevi armonizzando concordia corale!!