Vigili urbani, situazione strana

Letture: 1350
R&B Sport

vigili urbaniI continui spostamenti del personale da un servizio all’altro, peraltro attuati con una procedura molto discutibile sul piano legale, che stanno riguardando soprattutto il settore dei Vigili Urbani, sono scriteriati e si connotano come un danno sia al personale interessato da questi repentini provvedimenti che alla comunità, in quanto vanno a ridurre la forza lavorativa in un settore di per sé già accorto di personale che dovrebbe essere rafforzato piuttosto che ridotto. Per di più i vigili urbani sono continuamente sollecitati dagli amministratori per diversi interventi che riguardano l’ente, anche se non sono tutti di loro diretta pertinenza. Il  ruolo che il vigile urbano è richiamato a ricoprire quotidianamente è fondamentale, perché oltre a tutelare la sicurezza della cittadinanza e del territorio, si occupa di  polizia ediliziatutela ambientale e di tanti altri servizi utili alla comunità. Questi spostamenti, che nel recente passato hanno interessato anche altri settori, non si giustificano e hanno tutta l’aria di essere atti punitivi considerato che  riguardano quasi unicamente il settore dei Vigili Urbani e che l’Amministrazione, recentemente, ha dovuto fare dietrofront su uno spostamento che indirettamente ha interessato questo settore. Un interrogativo sorge spontaneo: perché tanto accanimento nei confronti dei Vigili Urbani, in un momento in cui il controllo del territorio, sia dal punto di vista ambientale che urbanistico, è di grande importanza? La gestione delle risorse umane che dovrebbe essere l’aspetto più importante della nuova cultura organizzativa, a Bisignano è diventata il fanalino di coda per  l’atteggiamento autoreferenziale di alcuni amministratori e per la palese incapacità dell’Amministrazione di motivare il personale e di coinvolgerlo in un processo virtuoso di programmazione amministrativa e di crescita della comunità. Oggi il Comune è chiamato a migliorare la qualità del lavoro, a investire su relazioni interne più salde e capaci di produrre significati e valori condivisi. Riteniamo che questi provvedimenti vadano annullati e concertati con gli organismi preposti, per cui ne prendiamo le distanze dal punto di vista morale, politico, amministrativo, della trasparenza e della legalità.

Framcesco Fucile