Via Foresta pericolosa, gli abitanti chiedono maggiore sicurezza

Letture: 1467

L’ultimo incidente fra auto ha riacceso l’attenzione degli abitanti di Via Foresta che cercano una maggiore sicurezza.

L’elevata velocità sul tratto di strada che collega il campo sportivo ad altre zone residenziali – per arrivare sino ai confini di Luzzi, sta diventando un pericolo per l’intera zona, l’ultimo scontro di ieri ne è la conferma.

Velocità pericolose in queste strade sensibili del territorio, nelle quali alcuni automobilisti si lasciano facilmente prendere dall’acceleratore, incuranti dei potenziali pericoli che creano per se stessi e per la comunità, non sono più accettabili e i cittadini della zona ne sono ampiamente consapevoli.

Il rettilineo di via Foresta e in generale tutto il territorio comunale avrà bisogno di una maggiore sicurezza stradale. Un gruppo di residenti, per altro, si sta già attrezzando per una raccolta firme per richiedere dissuasori permanenti sull’intero tratto. Il modulo per la raccolta firme sarà un modo per mettere nero su bianco l’intenzione dei residenti dell’intero tratto di chiedere al Sindaco interventi concreti per ridurre sensibilmente la velocità dei veicoli che vi transitano e garantire così la sicurezza e l’incolumità di quanti, automobilisti, pedoni e ciclisti, circolano in zona.

—‐——-

La replica di Francesco Chiaravalle e di Andrea Algieri

L’assessore comunale e consigliere provinciale Francesco Chiaravalle (qui in foto con la presidente Rosaria Succurro) ha dichiarato come la zona di c.da Foresta è attenzionata dall’ente Provincia per un’eventuale messa in sicurezza: “Nei prossimi giorni sarò presente con il responsabile dell’ufficio tecnico per un sopralluogo”.

Andrea Algieri, consigliere d’opposizione comunale e provinciale, ha poi chiarito: “Accolgo positivamente le proposte degli abitanti di cda Foresta, l’attenzione sarà riservata anche sulla Sp234 di Sellitte (sarà valutato un tutor della velocità) e sulle altre arterie provinciali che interessano i confini dal Crati al Mucone. Sul ponte di quest’ultimo vanno aggiustate le giunture, ci sono aperture preoccupanti e bisognerà assolutamente intervenire prontamente. Dobbiamo considerare bene il territorio e rivedere un po’ tante cose. L’attenzione va prestata sui tratti di strada locali di competenza della Provincia, ci sarà un maggiore attenzione dalla polizia provinciale, coinvolgendi i vari uffici e cercando di dare migliorie anche alla segnaletica stradale. Su Bisignano puntiamoci per creare sviluppo e sostegno territoriale, vediamo le necessità, troviamo il modo di intervenire con coesione e facciamo un po’ di programmazione”