Vettel all’Aston Martin, uno sgarbo prima del Mugello

Letture: 543
R&B Sport

Vettel con Aston Martini ha sottoscritto un contratto triennale da 8,5 milioni di euro a stagione, ben lontano dai 36 milioni di euro percepiti in Ferrai. In Aston Martini, Vettel affiancherà Lance Stroll. Rimasto senza sedile – e non senza polemiche – Sergio Perez che cede il posto dopo sette anni trascorsi nel team. Secondo alcune voci, Vettel sarebbe stato segnalato al team da Toto Wolff, da poco nel pacchetto azionario del team. E proprio la power unit Mercedes, seguite dalle ottime prestazioni in pista di Stroll e Perez, avrebbero convinto Vettel a sposare il progetto. Queste le sue dichiarazioni.

Non è stato così semplice. Sono state settimane e mesi intensi. Una situazione diversa dal solito. Volevo restare in Formula 1 ma solo con qualcosa e con chi mi attraeva davvero. E col tempo le cose sono diventate più chiare. La Racing Point ha fatto molti passi in avanti e il nuovo regolamento dovrebbe dare un aiuto per dimostrare il suo valore. Troverò persone che conosco e penso che il team sia indirizzato verso un trend positivo, con risultati incoraggianti. L’approdo di Aston Martini in F1 è una delle più entusiasmanti che stanno accadendo ed è grandioso farne parte. Nelle ultime settimane ho pensato molto al mio futuro e a quale fosse la cosa giusta per me. Ovviamente c’è stato poco preavviso per quello che riguarda l’annuncio, ma è bello che ora la notizia sia pubblica. Perez ha dato l’annuncio ieri sera e penso che dopo fosse giusto dare la notizia del mio arrivo. Mercedes è in vantaggio su tutti anche per gli anni a venire. Ma questa è una sfida entusiasmante. Voglio gareggiare nelle prime posizioni della griglia e non in fondo.

Vettel lascia il team di Maranello dopo quattro stagioni dove ha ottenuto 14 vittorie, 12 pole position, e 53 podi. Un bilancio che il pilota tedesco potrà aggiornare sino al termine della stagione.