Un’isola per ritrovare benessere e gioia: i segreti della meravigliosa Alicudi

Letture: 516

Se stai cercando di farti venire un’idea geniale per le tue prossime vacanze estive, allora sappi che esiste un luogo da prendere in considerazione. Stiamo parlando di un’isola tanto piccola quanto stupenda, completamente immersa nella natura e capace di trasformarti dentro.

Se ci sei già stato, allora sai benissimo di cosa stiamo parlando. Hai un’idea chiara di quanto sia bella la piccola isola delle Eolie, immersa nel verde di una vegetazione selvaggia e intatta e, allo stesso tempo, adornata da piccole casette di pietra, un paesaggio quasi da presepe vivente.

Se non ci sei mai stato, invece, fidati di noi: non sai cosa ti stai perdendo. Alicudi ha una superficie di circa cinque chilometri quadrati quasi totalmente verdi e lussureggianti. La natura è intatta, nessuno ha osato guastarla col passare dei secoli; e adesso il centinaio appena di “arcudari” che la abitano sono i suoi custodi, la proteggono e la curano come una madre. I turisti che decidono di trascorrere in questo luogo stupendo le loro ferie capiscono presto di essere stati molto fortunati.

Poche cose danno soddisfazione nella vita come passeggiare e inoltrarsi nelle zone più segrete dell’isola. Qui natura e civiltà riescono a fondersi alla perfezione e nessuno dei due fa caso all’altro.

Se sei interessato a organizzare qualcosa di realmente originale in cui tu possa coinvolgere anche gli amici o i parenti più stretti, allora rivolgiti al sito della Mistral Sailing, dove potrai noleggiare imbarcazioni con skipper per vedere tutte le isole Eolie (una volta che ci sei, che fai, non lo dài uno sguardo a tutto l’arcipelago per intero?).

Non pensare che, dal momento che qui troverai natura a perdita d’occhio, non ci sia infondo tutto quello che potresti avere di bisogno per trascorrere un’esperienza nel più totale relax. Ci sono alcuni negozietti forniti di tutto e carini allo sguardo, come anche alimentari che vendono esclusivamente prodotti del luogo a chilometro zero, una posta e, naturalmente il mare.

All’interno dell’isola non troverai sicuramente farmacie, bancomat,banche, discoteche o pub e un solo albergo con un unico bar ristorante , per accogliere i turisti in questo meraviglioso posto.

Il fascino e la particolarità di questa isola meravigliosa sono legati al fatto di vivere con poco,abituarsi all’essenziale, stare a contatto con la natura e riconnettersi con se stessi e soprattutto uscire fuori dallo stress della quotidianità.

 L’attrattiva principale non soltanto di Alicudi, ma anche delle altre isole Eolie, è senz’altro il mare. Uno specchio d’acqua sempre limpido e cristallino durante la stagione estiva e che a largo diventa di colore blu intenso. Le spiagge poi sono grandi, fatte di sabbia bianca e fina, pulitissime e spettacolari.

Vuoi qualcosa che ti faccia rilassare a tal punto da dimenticare completamente la tediosa routine quotidiana che ti aspetta a casa? Ebbene, un giorno intero disteso su una delle spiagge più belle di tutto l’arcipelago, si rivelerà più efficace di un fine settimana in una spa di lusso. Garantito.

Ma cosa altro c è da vedere ad Alicudi? Scopriamolo insieme!

San Bartolo e Pianicello

Pianicello è una contrada molto graziosa che si trova nella parte abitata dell’isola  e ci sono un po’ di persone, non tantissime, che vivono tutto l’anno e non solo nella stagione estiva e sono di madrelingua tedesca.

San Bartolo invece è situato la precisione a 330 metri dal mare:questa contrada  ha come attrattiva principale la chiesa di San Bartolo, costruita per celebrare il santo patrono delle isole Eolie e riedificata nel 1821 circa sfruttando i resti della seicenta sacrestia.

Questo bellissimo posto si può raggiungere percorrendo una strada un po’ sterrata  e che si trova vicino al porto. Quest’ultimo è anche il punto di partenza per raggiungere la bellissima chiesa del Carmine e ci si arriva attraverso una strada che si inerpica nella montagna :la meravigliosa chiesetta è facilmente riconoscibile per la presenza di uno originale e strano campanile, separato dall’edificio della sacrestia.

Contrada Tonna

Infine consigliamo di andare a vedere questa contrada, un agglomerato di case rurali dove gli appassionati di arte potranno ammirare e gustarsi l’architettura eoliana. Vedranno i gradoni che sono stati costruiti con i muri a secco e con lo scopo di rendere il territorio coltivabile.