Ufficiale: Ornella Gallo lascia il consiglio comunale

Letture: 3196
R&B Sport

Ornella Gallo
COMUNICATO STAMPA – In data 12. 07. 2019 ho protocollato in busta chiusa le mie dimissioni irrevocabili da consigliere,  assessore e Vice Sindaco del Comune di Bisignano. In data 17. 07. 2019, prot. n. 133 16 ho ricevuto, da parte della segretaria comunale, una missiva a mezzo pec in cui mi si comunicava la non validità  delle stesse per irregolarità “nella forma delle citate dimissioni”; nella stessa venivo invitata a “esprimere le proprie effettive intenzioni e se, intende confermare le stesse di seguire la procedura prevista dalla norma di riferimento di cui all’art. 38 comma 8 del TUEL (modificato dall’art. 3 del D.L.29 Marzo 2004 n.80 convertito in legge n. 14012004)”.

Comunico di aver provveduto in data 22 luglio 2019 a ripresentare e a riconfermare le dimissioni e  colgo l’occasione per esprimere alcune riflessioni.
La sottoscritta non ha mai chiesto alcunché al Sindaco di Bisignano per cui, tutti coloro che hanno  ipotizzato un “ricatto politico”, hanno solo confermato un modo di fare politica che appartiene a loro e non a me.

La sottoscritta ribadisce che, in questi giorni, NON ha assolutamente mai pensato di rivedere le sue posizioni e non ha assolutamente chiesto NULLA a nessuno: ha solo avuto la triste conferma di quale clima abbia ormai pervaso la scena politica bisignanese.

Con piena coscienza ed in totale autonomia rivendico una posizione di totale distacco da un mondo a  cui mi sento ormai estranea e nel quale ho cercato di profondere il massimo impegno e la massima  dedizione.

Riservandomi di approfondire gli aspetti che hanno portato a questa ponderata scelta, lascio con l’amara constatazione che gli ultimi giorni hanno messo in luce la vera natura delle parti politiche in campo.

Ringraziando per gli innumerevoli attestati di stima e tutti coloro che hanno avuto rispetto di me come Donna, come Amministratore e come Politico, con rispetto delle Istituzioni e con l’animo sereno lascio ad altri la scena di un teatro che ha bisogno di ben altro spirito e ben altri toni.

ORNELLA GALLO