Truffe online, quattro persone arrestate a Bisignano

Letture: 2898
R&B Sport


Quattro persone, tre delle quali appartenenti ad un’unica famiglia, sono state arrestate a Bisignano per 60 truffe online.

Le persone sono state arrestate dai Carabinieri e dalla polizia postale di Cosenza che hanno accertato le truffe commesse online perpetrate sull’intero territorio nazionale, per un danno complessivo di circa 20mila euro. “Abbiamo individuato un’associazione per delinquere, un gruppo di persone che per professione erano dedite a commettere questi reati” – ha detto il procuratore capo della Repubblica di Cosenza Mario Spagnuolo, parlando con i giornalisti – “erano organizzati e avevano una grande capacità organizzativa. Il tutto è stato possibili ricostruirlo grazie all’intelligenza degli investigatori e questa è la terza o quarta volta sul territorio nazionale che si configura l’ipotesi dell’associazione per delinquere”.

Il gruppo pubblicava degli annunci per la vendita di auto e pezzi di ricambio, copiati da siti stranieri, sui vari e-commerce e che ovviamente attiravano l’attenzione dei potenziali clienti. Una volta incassato il denaro, i quattro non effettuavano mai la vendita, attuando così la truffa ai danni degli ignari clienti ai quali non rimaneva oltre che sporgere denuncia.

“Sostanzialmente il gruppo reperiva da siti esteri annunci relativi a veicoli storici, che venivano ricollocati su piattaforme di vendita online italiane. Da qui partivano delle trattive con ignari clienti, finalizzate, sostanzialmente, ad acquisire quanto prima la caparra, tramite carte Postepay” –  ha riferito il Colonnello Piero Sutera, comandante provinciale dei Carabinieri, che continua “è un’attività d’indagine svolta interamente dalla stazione dei Carabinieri di Bisignano, e si è documentata l’esistenza di una vera e strutturata organizzazione”.