Svolto il sesto memorial Marcellino Scuro

memorial-marcellino-scuro-276x300 Svolto il sesto memorial Marcellino Scuro

Nonostante le condizioni climatiche non proprio favorevoli, si è svolta con buon successo la sesta edizione del memorial dedicato a Marcellino Scuro, uno degli appuntamenti ormai classici di fine stagione. Il torneo di calcetto, legato alla memoria dell’ex dipendente comunale scomparso più di cinque anni fa, come sempre ha rappresentato un’utile occasione per mostrare il lato umano dei tanti amici, ma anche di chi conosceva appena Marcellino. Tutti uniti nel ricordo, dunque, con la messa di don Salvatore Belsito nella chiesa di San Francesco, che ha anticipato il classico memorial di calcio a 5 con tre squadre partecipanti: i dipendenti comunali, il gruppo degli amici e la compagine dei nipoti. Dopo il sorteggio, ecco il primo match con la squadra dei nipoti che si è imposta senza grosse difficoltà su quella dei dipendenti comunali, con il risultato di 4-1 meritato. Mentre la pioggia arrivava sul campo dell’oratorio a fasi alterne, si è svolto anche il secondo incontro, con la squadra degli amici che ha sconfitto quella dei dipendenti con un rotondo 9-2.

Dopo una partenza a razzo, gli amici hanno dominato il campo, sfruttando anche l’infortunio del portiere avversario. Nella finalissima ancora i portieri hanno stabilito l’ago della bilancia. Il pipelet dei nipoti ha alzato un muro soprattutto nel secondo tempo, con la squadra vestita di rosa nero che ha battuto gli amici per 3-1. Alla fine sorrisi per tutti ma anche la giusta commozione nel ricordare la figura di Marcellino, che aveva come grande passione proprio quella del calcio. Negli spazi al coperto dell’oratorio “Francesco Tortorella” si sono svolte le premiazioni, con targhe ricordo e coppe precedute dalla medaglia di partecipazione donata a tutti i calciatori in campo. Per finire, è arrivato un momento conviviale con il ricco buffet offerto dal ristorante “Grill Taverna”, mentre gli organizzatori sperano di ripetere la manifestazione anche il prossimo anno.

Massimo Maneggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here