Svolto Consiglio comunale su bilancio

Consiglio comunale mattiniero per i politici di Bisignano, che si sono riuniti nella sala municipale a discutere sul bilancio. Un’assise particolare per maggioranza e opposizione, al rientro dopo le “vacanze”, che è iniziata sotto i migliori auspici grazie anche all’omaggio reso nei confronti di due bisignanesi, Mario Straface e Lorenzo Cotroneo, che hanno festeggiato rispettivamente cinquanta e quarant’anni di attività commerciale. Il presidente del consiglio, Franco Vocaturo, ne ha lodato la professionalità mostrata negli anni, con una prima fase dei lavori quasi passata in relax. Nei sette punti all’ordine del giorno, spiccano ratifiche di variazioni di Bilancio, la determinazione delle aliquote Imu (già, comunque, ufficializzate da tempo), il riconoscimento di debiti fuori bilancio e lo stato di attuazione dei programmi. Il sindaco Umile Bisignano, che detiene anche la delega economica, ha svolto la sua relazione spaziando in lungo e in largo affermando, tra l’altro, che sarà il fondo sperimentale di riequilibrio a dare un’altra stima ai conti bisignanesi. Il primo cittadino, in particolare, si è posto l’obiettivo di mantenere intatti i livelli qualitativi e quantitativi dei servizi offerti, apprezzando anche l’impegno della sua giunta nonostante la crisi che, gioco forza, si riflette sul bilancio comunale in quanto a tagli nazionali. L’opposizione non è rimasta a guardare, con Roberto Cairo di “Alleanza Democratica” duro nei confronti dell’operato amministrativo:«Ritengo che il Comune non viaggi nelle giuste dimensioni e si rischia il dissesto finanziario per una gestione allegra, confusa e non programmatica».

Il consigliere d’opposizione, inoltre, si è mostrato contrario all’alienazione dei beni comunali, con un tema che ha coinvolto nella discussione anche Umile Maiuri, capogruppo di maggioranza, nonché il sindaco Umile Bisignano. Piccata la replica dei due, che hanno ricordato a Cairo la sua passata gestione economica durante il periodo D’Alessandro. Il tema economico dell’Ente ha prodotto vari interventi, con una girandola di opinioni da una parte e dell’altra, e anche il gruppo di “Bisignano al centro” ha manifestato le proprie perplessità sui conti dell’Ente comunale.

Massimo Maneggio
su: Calabriaora

1 commento

  1. Lungi dal voler insegnare niente a nessuno ma quante belle scuse per non far nulla! Perchè non li mandiamo a casa tutti questi amministratori invece di continuare a pagarli inutilmente? Cittadini benedetti e martoriati dalle bollette ma non vi siete scocciati di tutti questi bilanci sottotono e di tutte le promesse fatte in campagna elettorale in cui si annunciava un bilancio in positivo di non ricordo di quanti mila euro? Non vi siete seccati di pagare l’Irpef più alta d’Italia e l’imu all’aliquota massimain cambio e non avere servizi garantiti e garantisti se non quelli di prima necessità pagati al Comune a fior di quattrini e resi male dallo stesso ente alla stregua di una macchina inefficente e obsoleta? Ma che cosa ci vuole per farvi incazzare?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here