Sulla Collina Castello delle colonne

colonne-300x225 Sulla Collina Castello delle colonne

La Collina Castello è uno dei simboli della città, una risorsa nel periodo passato, oggi più che mai un centro dove sorgono edifici pubblici. Aver decapitato la città, perché di questo si tratta, dopo lo spianamento della collina, si è pensato a costruire urbanizzando anziché provvedere a rinfoltire la vegetazione e implementare il polmone cittadino, miopia che è costata la perdita di un’attrazione unica per i turisti.

Una similare collina è la “Pietra Bismantova” che si trova a Castelnuovo né Monti sull’Appennino reggiano, che è una risorsa di notevole successo perché visitata da numerosi turisti ogni anno. Invece, per scelta, questo primato Bisignano ha deciso di farne a meno e oggi più che mai è solo meta di gente che deve recarsi in municipio o in ambulatorio. Il fatto che ha allarmato i consiglieri Francesco Fucile ed Elio Rago, è ben altro e riguarda delle colonne in cemento che svettano in questi giorni sulla collina. A cosa serviranno questi pilastri? Se si tiene conto che sulla collina esiste una scuola, una palestra comunale e il museo della liuteria, con un terreno verde da curare, la domanda dei consiglieri è più che mai legittima. Fucile e Rago commentano: “Chi ha commissionato i pilastri in cemento eretti sulla collina castello? Sono una bruttura del tutto fuori luogo sia dal punto di vista urbanistico che sotto l’aspetto della sicurezza, considerato che sono stati costruiti nell’area adiacente la palestra comunale che accoglie, fra l’altro, manifestazioni frequentate da centinaia di persone – affermano i due politici locali – L’urbanistica della collina castello non aveva certo bisogno di ulteriore cementificazione.

Siamo davvero stupiti e indignati nel vedere questi pilastri che non sappiamo se paragonarli alla Stonehenge inglese, ai pilastri di una moderna palafitta, a un nuovo congegno per misurare il tempo o alle colonne d’Ercole, quasi a segnare il limite estremo del mondo conosciuto, considerato che a nessuno è dato sapere che cosa rappresentano quei lunghi ammassi di cemento. Di due cose siamo certi – precisano Fucile e Rago – la prima è che i pilastri sono otto, cioè la somma degli assessori più il sindaco; la seconda è che l’antica rocca della città di Bisignano, indicata in periodo normanno come castra bizantino, non riesce ad avere pace nemmeno nel secondo millennio, essendo continuamente aggredita da un’edilizia di pessimo gusto che non rende giustizia, né alla sua gloriosa storia, né alle potenzialità urbanistiche-culturali dell’attuale piazza. A Bisignano, purtroppo, si sta scrivendo un’altra brutta pagina di storia contemporanea”. Sarà eretto un santo o Cristo come a Maratea?
Beh! Sarebbe opportuno dire che mentre la città scivola a valle, con il centro storico sempre più deserto, abitazioni in vendita e un commercio che langue, la nuova città sorge lontano, infatti sono stati avviati non solo centri commerciali, ma anche edifici scolastici, ciò fa supporre che era meglio preservare un patrimonio storico ed unico che rimane immortalato in foto d’epoca e per la modernità si scelgono trionfalismi che imperavano nel periodo del
ventennio.

Ermanno Arcuri
su: Nuovasibaritide

18 Commenti

  1. che vi vuole prendere un trono ed un lampo…..la città e’ ridotta ad una merda e ci sono scienziati ed ingegnieri che hanno la possibilità di lasciare i loro escrementi?Ma i soldi sono gratis o poi ci vengono a mancare le risorse per altri servizi?Grazie Ermanno per questo articolo,manco dal castello da tempo e mi hai preparato a squesto squallore…adesso manca qualche altra cacata di cemento da qualche parte e bisignano veramente che va chiuso e buttata via la chiave….e pensare che le nostre risorse sono note nel modo….

  2. “E’ nell’idea del progettista dedicare ciascuna vela ad ognuno degli otto rioni storici di Bisignano, per cui è previsto che su ciascuna di queste strutture sarà riprodotto un elemento identificativo del rione prescelto.
    Sulla sommità di ciascuna vela sarà attivato un punto luminoso, mentre alla loro base saranno sistemate panchine ed altri arredi urbani. Una volta completati tutti i lavori la Piazza della Collina Castello diventerà una meta turistica e non solo per gli abitanti di Bisignano”

    Questo si legge da un articolo presente al seguente link: http://www.ntacalabria.it/37810/bisignano-cs-proseguono-i-lavori-di-riqualificazione-della-piazza-della-collina-castello/

  3. – I NU MANTU U CI FACIMU MANCU NA CUOPPULA – avevamo la piazza più grande della provincia di cosenza e adesso ? …………………………………………

  4. un grazie a Danilo che sicuramente soggettivamente difende qualche tornaconto personale…..ma c’e’ bisogno di speciali occhiali per vedere gli ORRORI?Complimenti a kekko…stai tranquillo che una buona prossima amministrazione dovra’ usare ruspe e dinamite per togliere questi”lavori”….oltre al PISCIATOIO(l’omonimo della capitale d’egitto dice che e’ arte),la piscina comunale(altro pisciatoio),il muro del Pianto alla scesa della riforma,il mausoleo della chitarra al castello…)…e noi paghiamo…speriamo che il federalismo tappi questo eccesso di soldi cosi ne’ ne abbiamo e ne’ ne spendiamo……Dani’….se vuoi dire qualcosa kka sugnu….

  5. Cari Cittadini di bisignano! Certo che non vi accontentate mai! Mi dite cosa si doveva fare con quel edificio al campo dove nelle amministrazioni precedenti sono stati spesi soldi?? Perche non vedere tutto con gli occhi giusti?? Rimaneva un edificio senza alcuna funzione! Grazie all’attuale amministrazione ore ci stanno le scuole! Mentre collina castello cosa doveva fare con quel museo insignificante (al posto dove sta) senza aver proggettato un esterno? Beh io ci sono stato negli ultimi giorni e sinceramente l’idea delle colonne mi piace perche unisce ancora di piu BISIGNANO!
    e sinceramente a quando pare collina castello diventerà veramente bella! andateci a dare un occhiata, non giudicate prima. E’ chiaro che il cittadino bisignanese non si accontenta mai, ma a questi livelli non speravo di trovare persone.

    BISIGNANO= a lamenti continui!
    MA FATEMI IL PIACERE DI PENSARE PRIMA DI PARLARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. caro cittadino anonimo di bisignano……sei innanzitutto un TALEBANO….solo loro non rispettano le idee e le opinioni degli altri….poi sono veramente contento che in questa landa deserta di idee esiste una persona cosi’ illuminata che gli altri (tutto il popolo),fanno la figura degli imbecilli che non riescono a vedere la bellezza di cotanta opera…per l’edificio che adesso questa attuale amministrazione ha adibito a scuola DOVEVA ESSERE DEMOLITA peche’ non a norma….mi auguro che i nostri figli non facciano la fina dei bambini di S.Giuliano che con una scossa sono periti proprio nel luogo che doveva essere sicuro….il guaio infine che tanti hanno paura anche di pensare….non di parlare…..un consiglio a te mente nirvanica….apri gli occhi!!!!

  7. Volevo commentare la notizia lecitamente riportata dal Signor Ermanno Arcuri riguardante la sconcia impostazione urbanistica della Collina Castello di Bisignano. Tuttavia, penso di non essere all’altezza della situazione perché non saprei proprio cosa dire. Di sicuro nell’idea del progettista la struttura architettonica assume nel suo insieme una connotazione di opera d’arte e successivamente di struttura urbanistica polifunzionale. La bellezza è stabilita da un giudizio soggettivo e non assume mai un valore oggettivo fino a quando il tempo proclama debitamente la sua qualità estetica. Indubbiamente, nel caso delle torri in cemento armato erette di fronte all’ingresso della palestra comunale si rimane allibiti. Del resto, ancora il cantiere è in fase di completamento, ma il buon giorno, spesse volte, si vede dal mattino. Speriamo di non dover prendere l’ombrello per ripararci dai fulmini del nostro simpatico utente Korchia. Alberto De Luca, saluta tutti.

  8. Mettiamo il caso che siamo 1800 dissoccupati a bisignano anche se secondo me siamo molto di più, dico io ha posto di buttare tutti questi soldi a cemento non si potevano riaprire alcuni capannoni nella zona industriale e far lavorare la gente che non si può comprare il pane? 2) Bisignano gia di belezze ne ha abbastanza non si possono usare alcuni palazzi nobiliari per turismo visto che da altre parti lo fanno è riescono bene con uno solo? Noi abbiamo un patrimonio culturale che parecchie nazioni ci invidiono 🙂

  9. Caro Danilo le chiedo sinceramente scusa…tutto mi ha fatto supporre il commento fosse suo!!!!Certo che e’ raccapricciante la frase “la Piazza della Collina Castello diventerà una meta turistica e non solo per gli abitanti di Bisignano”….mi immagino già i pulman che come pellegrini arriveranno a vedere il risultato…proporrei addirittura un giro per le altre mete suddette….e poi veramente che nostra intelligenza passerà nella leggenda come IGT : IMBECILLI GEOGRAFICAMENTE TIPICI…. altro che i cionci dei LUZZI

  10. Beh, io ho imparato una cosa! mai parlare prima di aver visto i risultati!!!!!!!!!
    La scuola al campo c’era ed è stata finita! se andiamo a vedere ci sono persone ( padri di famiglia) che hanno costruito dove non si poteva assolutamente! e poi ci lamentiamo!!! Se così fosse che c**** l’hanno fatta fare quella scuola??????? Almeno ora è andata in funzione!

    Quindi parliamo quanda abbiamo visto il risultato!

  11. ah un altra cosa caro korchia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Non mi pare che sia solo io una persona cosi illuminata. Io ho visto altre realtà che con bisignano non si possono paragonare, eppure sono contento di ciò che stanno facendo al castello!!!!!! fatti un esame di coscenza!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  12. Ciao Alberto…ti stimo!!!!Non avevo finito i pensiero(ero propenso a non rispondergli affatto…non ti curar di lor ma guarda e passa)….in effetti mi ha convinto ma non delle sue idee quanto delle mie…avrei dovuto aggiungere mi hai convinto CHE HO RAGIONE ….aggiungo una domanda con molta calma:” L’eccessivo impiego di tanti punti esclamativi alla fine di una frase rende questa piu veritiera di una che ne ha una sola?Oppure si ha poco da scrivere e si abbonda di contorno?”Ti prego CITTADINO ANONIMO BISIGNANESE non rispondermi perche’ e’ la storia che stabilirà l’utilita dell’opera…ad Alberto i migliori ossequi!!

  13. No caro korchia. i punti esclamativi alla fine di una frase esprimono la mia rabbia contro persone come te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!vedi quanta ne ho???????????????????
    Ti commenti da solo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here