Sud Italia: incerta diffusione del virus. Le ipotesi

Letture: 2237
R&B Sport

Il coronavirus ha letteralmente bloccato l’Italia. Ma aldilà dell’emergenza sanitaria a cui stanno lavorando enti e governo, in molti stanno cercando di capire il tipo di correlazione che può esserci tra clima ed epidemia. E se questo può essere il motivo per cui il Sud Italia è, al momento, ancora ai margini dell’epidemia

“Non credo sia scontato che il nuovo coronavirus si diffonderà in maniera sostenuta anche al Sud Italia perché, mappamondo alla mano, stiamo notando una diffusione da Est a Ovest e viceversa, piuttosto che da Nord a Sud” – ha dichiarato Robert Gallo, fra gli scopritori del virus dell’Aids negli anni Ottanta e direttore dell’Institute of Human Virology presso la University of Maryland (Usa).

“Non sappiamo ancora perché” – ha detto Gallo – “forse è un fattore legato alle temperature, forse no. Ma è un elemento che ha senso tenere in considerazione”.

Sull’argomento è intervenuto anche il professore Ciro Indolfo, presidente dell’associazione Cardiologi e direttore di Cardiologia dell’Università di Catanzaro, che ai microfoni di LaC ha detto: “Siamo di fronte a una emergenza sanitaria di complessità inaudita e abbiamo dei numeri impressionanti. La notizia buona è che il Sud sembra risparmiato, in parte, dal Covid-19″.

La maggioranza dei pazienti affetti da coronavirus Covid-19 infatti sono localizzati in alcune provincie del Nord Italia. “Il motivo per cui il Sud è in parte risparmiato è ancora ignoto” – ha detto il prof. Indolfo.

La prima ipotesi è legata al clima, “che potrebbe avere un effetto protettivo. La seconda ipotesi, più negativa, è che c’è solamente un ritardo della trasmissione e quindi ci potremmo aspettare un contagio come al Nord”. Il direttore di Cardiologia dell’università Magna Graecia di Catanzaro, ha spiegato inoltre che il Covid-19, a differenza di quanto succede con l’influenza stagionale, ha una compromissione cardiaca più importante. La società americana di cardiologia ha infatti messo in guardia i pazienti cardiopatici ad essere più attenti ad evitare il contagio, proprio perchè il Covid-19 potrebbe avere effetti negativi sul cuore.