Bronzi di Riace in armatura da Iron Man, il successo de Le Strade del Paesaggio

Letture: 1219
R&B Sport
Foto di Maria de Miglio

Per tre giorni, lo scorso weekend, il cuore di Cosenza vecchia ha pulsato di luce nerd. Fumetti, cosplay, arte e valorizzazione delle ricchezze “di nicchia” della Calabria sono state portate dal Festival del Fumetto. Organizzato da Le Strade del Paesaggio a Villa Vecchia, il teatro Rendano, il MAM e il Museo del Fumetto che hanno ospitato attività a 360° per tutti, appassionati e non.

Villa Vecchia, assieme a piazza XV Marzo, ha visto come protagonisti per esempio tanti artigiani. Numerosi i stand come quello della WarGame Arena, associazione di softair col loro tiro al bersaglio e un concorso fotografico, i Ghostbusters Sicilia che hanno divertito grazie a Just Dance (immaginate di ballare assieme un Ghostbuster: impagabile!), l’officina Cosplay a cura di Baboon, CosplayPlaza e Otakube. L’area LARP in cui si è potuti assaggiare ogni giorno un tema diverso, spaziando dall’urban-fantasy al fantasy fino ad approdare alla presentazione “internazionale” di M.U.S.A., gioco di ruolo di chiara ispirazione potteriana (nonostante gli organizzatori sostengono il contrario). Infine l’area dei rievocatori a cura della Leg. X Fretensis e dell’Associazione La Via Popilia (ab Regio ad Capuam) che hanno deliziato il pubblico con le rievocazioni di lotte gladiatorie, una battaglia tra romani e bretti e uno gigantesco spazio espositivo di varia natura sulla civiltà romana.

Anche il cosplay ha avuto il suo ruolo da protagonista: vari i raduni, come quello di Harry Potter la domenica o il cosplay-contest che ha visto come premio un viaggio al Comicon di Napoli!

E il Rendano? Si è trasformato in un paradiso di giochi: dalle carte come Magic: the gathering a cura della Fumetteria Midgard ai classici giochi da tavola sul palco, alle postazioni di videogiochi e l’area kids per un divertimento garantito a tutta la famiglia.

Il MAM, Museo delle Arti e dei Mestieri, insieme al Museo del Fumetto invece vennero dedicati interamente ai comic: tra gli autori noti che hanno incontrato i loro fan Labadessa, Giulio Rincione, Loputyn e Lorenza di Sepio, autrice di Simple&Madama e madrina di un progetto di Poste Italiane contro il cyber bullismo. Insieme a innumerevoli stand di autori, illustratori e disegnatori in proprio e fumetterie e alla presentazione di Mascherpa, fumetto di Luca Scornaienchi in collaborazione con le orze dell’ordine, sono stati il cuore della parte della città dedicata a Telesio.

Un viaggio indimenticabile che non è ancora finito: le mostre saranno accessibili fino all’8 Ottobre. Insomma, lasciatevi guidare dalle Strade del Paesaggio, non ve ne pentirete.

Alfredo Arturi