Bronzi di Riace in armatura da Iron Man, il successo de Le Strade del Paesaggio

21767979_10209590104901646_5740491965962439413_n-168x300 Bronzi di Riace in armatura da Iron Man, il successo de Le Strade del Paesaggio
Foto di Maria de Miglio

Per tre giorni, lo scorso weekend, il cuore di Cosenza vecchia ha pulsato di luce nerd. Fumetti, cosplay, arte e valorizzazione delle ricchezze “di nicchia” della Calabria sono state portate dal Festival del Fumetto. Organizzato da Le Strade del Paesaggio a Villa Vecchia, il teatro Rendano, il MAM e il Museo del Fumetto che hanno ospitato attività a 360° per tutti, appassionati e non.

Villa Vecchia, assieme a piazza XV Marzo, ha visto come protagonisti per esempio tanti artigiani. Numerosi i stand come quello della WarGame Arena, associazione di softair col loro tiro al bersaglio e un concorso fotografico, i Ghostbusters Sicilia che hanno divertito grazie a Just Dance (immaginate di ballare assieme un Ghostbuster: impagabile!), l’officina Cosplay a cura di Baboon, CosplayPlaza e Otakube. L’area LARP in cui si è potuti assaggiare ogni giorno un tema diverso, spaziando dall’urban-fantasy al fantasy fino ad approdare alla presentazione “internazionale” di M.U.S.A., gioco di ruolo di chiara ispirazione potteriana (nonostante gli organizzatori sostengono il contrario). Infine l’area dei rievocatori a cura della Leg. X Fretensis e dell’Associazione La Via Popilia (ab Regio ad Capuam) che hanno deliziato il pubblico con le rievocazioni di lotte gladiatorie, una battaglia tra romani e bretti e uno gigantesco spazio espositivo di varia natura sulla civiltà romana.

Anche il cosplay ha avuto il suo ruolo da protagonista: vari i raduni, come quello di Harry Potter la domenica o il cosplay-contest che ha visto come premio un viaggio al Comicon di Napoli!

E il Rendano? Si è trasformato in un paradiso di giochi: dalle carte come Magic: the gathering a cura della Fumetteria Midgard ai classici giochi da tavola sul palco, alle postazioni di videogiochi e l’area kids per un divertimento garantito a tutta la famiglia.

Il MAM, Museo delle Arti e dei Mestieri, insieme al Museo del Fumetto invece vennero dedicati interamente ai comic: tra gli autori noti che hanno incontrato i loro fan Labadessa, Giulio Rincione, Loputyn e Lorenza di Sepio, autrice di Simple&Madama e madrina di un progetto di Poste Italiane contro il cyber bullismo. Insieme a innumerevoli stand di autori, illustratori e disegnatori in proprio e fumetterie e alla presentazione di Mascherpa, fumetto di Luca Scornaienchi in collaborazione con le orze dell’ordine, sono stati il cuore della parte della città dedicata a Telesio.

Un viaggio indimenticabile che non è ancora finito: le mostre saranno accessibili fino all’8 Ottobre. Insomma, lasciatevi guidare dalle Strade del Paesaggio, non ve ne pentirete.

Alfredo Arturi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here