Stefania Bisignano preoccupata: “Conferimenti legali, che errore!”

Letture: 1559

I conferimenti legali fanno discutere, Stefania Bisignano capogruppo di “Solidarietà e Partecipazione” ha così rivolto un’interrogazione al sindaco Francesco Fucile e al neo segretario Alfonso Rende.
La base della discussione poggia sulla nomina di un conferimento legale a titolo gratuito nella conferenza dei servizi in materia ambientale.

La Bisignano dichiara, nel principio della sua interrogazione, come: “Più denunciavo l’illegittima ed ingiustificabile nonché dispendiosa azione amministrativa posta in essere dall’allora giunta comunale che, pur in presenza di chiari atti amministrativi e sentenze, continuava a domandarsi di chi fosse la titolarità e proprietà degli impianti del depuratore comunale in località Mucone. Sarebbe invece bastata la lettura delle carte da parte degli amministratori del Comune di Bisignano per poter risolvere il quesito”.

 

Stefania Bisignano chiede dettagli sulla vicenda

Stefania Bisignano entra poi nel merito della questione argomentato la sua analisi – Interrogazione a risposta scritta <— potete scaricare l’integrale cliccando sul link, rimarcando come: “Il Comune, pur essendo nelle more cambiata la compagine amministrativa con l’elezione del nuovo sindaco lo scorso mese di ottobre, con Delibera della nuova Giunta Municipale n. 29 del 01.12.2021, è stato conferito un incarico a titolo gratuito di consulenza ed assistenza in seno alla conferenza dei servizi per gli impianti di depurazione in località Mucone […] a chi ricopriva la carica di presidente del Consiglio nella precedente amministrazione”.

Per Stefania Bisignano: “Questo incarico è sicuramente indice di continuità con la vecchia amministrazione dell’azione amministrativa sull’argomento”, chiedendo a cosa serva realmente questa conferenza dei servizi.
La stessa capogruppo di Solidarietà e Partecipazione ha analizzato questo punto in Consiglio comunale, per una polemica che – con ogni probabilità – avrà nuove puntate nei prossimi giorni.