Si protesta per i problemi del trasporto pubblico

Letture: 1635
R&B Sport

I problemi di trasporto rendono sempre più nervosi i bisignanesi, mai tenuti in grande considerazione dalle ditte del settore. Con gli ultimi accorgimenti sugli orari degli autobus la situazione nel territorio è diventata paradossale, con attese incredibili per effettuare solo pochi chilometri di viaggio. La situazione più preoccupante è quella della linea in collegamento con l’Unical, che costringe i ragazzi a salti mortali e soprattutto a levatacce mattutine. In linea di massima, Bisignano dista dal polo universitario circa 20 minuti con un normale tragitto, ma tra fermate e ritardi i tempi sono raddoppiati…

Fanno discutere, poi, i pochi collegamenti diretti, ottenuti per altro, tra mille fatiche lo scorso anno, con i ragazzi a beneficiare di un solo pullman all’andata (arrivo alle ore 8 circa) e di un altro al ritorno, alle 18.20. L’orario è quasi sempre inadatto, e ci si trova con persone ad aver finito da tempo le lezioni, ed altre che devono, forzatamente, anticipare l’uscita prevista per le 19. 

Le altre linee con tappa Castiglione lasciano a desiderare, con i ragazzi costretti a fare un percorso di più di un chilometro per raggiungere l’ateneo di Arcavacata. La lunga camminata dura all’incirca mezz’ora ed è quasi obbligatoria, con i pullman cittadini che arrivano a Castiglione sempre stracolmi, sia in bella stagione e sia in quella invernale. Riscontrano problemi anche i lavoratori che da Bisignano devono raggiungere Acri, che chiedono almeno degli accorgimenti sugli orari, in modo da farli coincidere almeno con l’apertura o la chiusura degli uffici pubblici. Per non parlare, poi, dei collegamenti con il capoluogo cosentino, dove addirittura si riesce ad arrivare con un tragitto record della durata di un’ora e un quarto. Studenti e lavoratori pendolari sperano da tempo in una maggior considerazione, con la Regione e gli organi adatti che devono assumersi le giuste responsabilità, indirizzando le ditte predisposte sul territorio, le quali hanno avuto sempre degli ottimi ritorni economici.

Massimo Maneggio
su Calabriaora