San Cosmo Albanese, la lettera del sindaco ai cittadini

Letture: 3605
R&B Sport

Cari Concittadini

A circa due mesi dal primo Comunicato sono successe tante cose! Un periodo denso e incredibile che ha segnato la storia e il nostro paese anche se, e ne sono sempre stato certo, sono convinto che le difficoltà devono, ma soprattutto, possono essere sempre viste come nuove opportunità.

Non smetterò mai di fare a tutti i COMPLIMENTI e RINGRAZIAMENTI per come avete risposto alle regole e alle richieste legittimate da scelte governative, regionali e del governo locale. Una comunità compatta, come uno stormo imbattibile e forte, che ha avanzato verso la meta, senza lasciare nessuno indietro e solo. Abbiamo lavorato tutti e tanto. Anche voi, costretti a casa avete riorganizzato famiglia, figli, necessità e bisogni, adattandoli alle restrizioni e nel migliore dei modi. Ognuno ha fatto la sua parte perfettamente. Ringrazio i commercianti che hanno sempre garantito i servizi e i beni di prima necessità, ma anche chi ha aspettato di riaprire e inventandosi ogni giorno, secondo le modalità ammesse, un nuovo modo di lavorare. Noi abbiamo cercato di aiutarvi in tutti i modi.

Ringrazio tutte le famiglie, e in particolare i genitori, che sono dovuti diventare periti informatici, per affrontare lezioni on line. Il plauso anche ad insegnanti e personale scolastico per la messa in disponibilità di ogni risorsa possibile. Un anno scolastico che resterà indelebile. Un Grazie a tutti i nonni e nonne, i “saggi” del nostro paese, che abbiamo voluto salvaguardare in tutti i modi. Un abbraccio alle famiglie che hanno provato il peso della malattia dovuta alla pandemia, e che ne sono usciti con vero sacrificio. Un ricordo particolare con lo sguardo al cielo, per Nonna Sara e Nonna Marianna, che vegliano sulle loro famiglie e su di noi tutti. Grazie anche ai nostri dipendenti comunali che hanno continuato a prestare preziosi servizi alla comunità. Grazie a Don Giuseppe e Don Pietro per la loro vicinanza con la preghiera e non solo. Grazie alle Forze dell’ordine che hanno vigilato sul territorio.

Ci tengo ad esprimere la mia profonda soddisfazione e gratitudine per l’ottima qualità dell’assistenza ricevuta dal personale Sanitario Pubblico e privato. Spesso in Calabria si parla di mala sanità, io nella mia esperienza posso testimoniare che è il contrario.

Voglio inoltre rivolgere un sentito ringraziamento a tutto il personale medico e para medico che mi ha affiancato e a diretto insieme a me le operazioni in questa difficile esperienza contribuendo a salvare molte vite umane:

Per l’Ufficio Igiene Pubblica di Corigliano-Rossano il Responsabile Dott. Carlo CIMINO ed il suo Team Dott. TASSITANO, Dott.ssa CALIFANO, Dott. VENTURA e Dott. FRECCIA;

lo Specialista in pneumologia Dott. Giovanni MALOMO;

 

 

per L’USCA tutti i medici e Para Medici che periodicamente hanno visitato gli anziani all’interno della struttura;

per il personale para-medico tutti gli infermieri del pubblico e gli operatori della Casa di Riposo che con turni massacranti e spesso in pochi hanno continuato ad assistere gli ospiti.

Un particolare ringraziamento al mago del tampone rapido, colui che ha individuato il focolaio il dott. Angelo TURANO sempre presente per competenza e professionalità e disponibile per eventuali screening anche in modalità drive-in.

Un grazie al Direttore della Struttura per la sua partecipazione anche se a distanza in quanto contagiato dalla malattia.

Ancora oggi mi succede di ripercorrere alcuni istanti di quel brutto periodo e mi prende un magone indescrivibile perché sento il peso della fatica e della responsabilità, ma avverto pure il sapore delle “storie a lieto fine” che solo ora iniziamo a vedere, ma dense di speranza e convinzione che siamo a buon punto. Siamo partiti con un ANDRÀ TUTTO BENE, urlato e scritto ovunque che ci ha reso forti e determinati, in un “attraversamento a ostacoli” che abbiamo superato assieme anche grazie a voi, alla vostra buona volontà e al grande senso civico dimostrato. Non è finita, lo sappiamo tutti, e arriveranno altre difficoltà. Dobbiamo ripartire. Una ripartenza complessa ma possibile. Dobbiamo poterci ridare quella mano che continuiamo a tendere e a riprendere perché ora non si può. Ma quella mano vogliamo tornare a stringerla, guardandoci in volto senza maschere e senza paura. Solo ad allora io smetterò questa battaglia per affrontare tutte le altre insieme.

Auspicando che il 2021 sia l’anno della ripartenza e della serenità per tutti auguro a voi e alle vostre famiglie una buona fine e un buon inizio anno.

Con vero bene, il Vostro Sindaco Damiano Baffa