Ravioli alla catanzarese: un primo piatto della tradizione

Letture: 1016

La cucina tipica della regione Calabria ha alcuni piatti che sono dei veri pilastri e tra questi ci sono sicuramente i ravioli alla catanzarese, detti anche alla calabrese.

Si sa che la cucina è un po’ come uno specchio dell’anima: riflette tutto il carattere e l’essenza di una città o di una regione.

La cucina calabrese è ricca di sapori e di materie prime che arrivano direttamente dalla terra.

Verdure, carne, spezie. Sapori forti come lo è anche lo spirito dei calabresi.

Abbiamo pensato di spiegarti come fare uno dei primi piatti per eccellenza: i ravioli alla catanzarese.

Per farli non ti servirà poi molto: un’ottima macchina per la pasta, un po’ di carne macinata, qualche verdura e tanta passione.

Bene, ora mettiti comodo e segnati tutto quello che devi fare per avere un primo piatto davvero succulento.

Ravioli alla catanzarese: la ricetta perfetta

Partiamo dal presupposto che la pasta ripiena è davvero uno dei colossi della cucina meridionale.

Anni ed anni fa non esisteva famiglia che non tramandasse la ricetta e non insegnasse alle giovani ragazze come impastare, tagliare e chiudere la pasta.

Con il passare del tempo la tradizione si è un po’ persa ma resta comunque dentro al cuore di ogni calabrese.

Andiamo insieme alla scoperta dei ravioli alla calabrese.

Ravioli alla catanzarese: gli ingredienti

Non si può iniziare una ricetta senza prima partire dagli ingredienti necessari.

Per fare l’impasto della pasta devi avere:

  • 400 grammi di farina bianca
  • tre uova
  • un pizzico di sale

Per il ripieno della pasta invece è necessario avere:

  • tre uova
  • 100 grammi di provola
  • 100 grammi di soppressata
  • formaggio grattugiato
  • sale
  • pepe

Infine, per il sugo:

  • 200 grammi di carne di maiale tritata
  • una scatola di pelati
  • sale
  • pepe
  • cipolla
  • basilico
  • aglio
  • olio d’oliva
  • eventuali altri aromi

Ravioli alla catanzarese: il procedimento

Passiamo ora al vero e proprio procedimento. È ora di mettere le mani in pasta.

Mescola farina, uova, sale e, se serve, un po’ di acqua. Prepara un bel impasto e dagli la classica forma a palla. Lasciala riposare per una decina di minuti e poi comincia a tagliarla ed a tirarla con la macchina per la pasta il più sottile possibile.

Ora prepara il ripieno mescolando insieme due uova sode tritate, la provola, la soppressata a pezzetti, il formaggio grattugiato, un pizzico di sale, un po’ di pepe ed un uovo intero crudo per legare il tutto.

Procedi con il mettere il ripieno sulla sfoglia fatta prima e comincia a chiudere i tuoi ravioli.

Infine non ti resta che preparare il sugo.

Fai rosolare uno spicchio d’aglio ed un pezzetto di peperoncino piccante che devi togliere, poi, prima di versare nel tegame la cipolla tritata fine.

Quando questa sarà appassita, unisci la carne tritata e falla rosolare un po’.

Aggiungi poi i pomodori a filetti e gli aromi che preferisci (origano, rosmarino, basilico od altro).

Lascia cucinare per il tempo necessario.

Ora hai tutto pronto e non ti resta che mettere suo fuoco una bella pentola di acqua salata e portarla ad ebollizione.

Una volta che l’acqua bolle comincia a cucinare i tuoi ravioli.

Scola il tutto e condisci con il sugo preparato in precedenza.

Ovviamente, non può mancare alla fine una bella spolverata di formaggio grattugiato.

In alternativa, in Calabria si usa molto anche cuocere i ravioli in un brodo vegetale leggero per dare qual tocco in più che può fare la differenza.