Randagi, un problema sociale

Letture: 1974

BISIGNANO I randagi sono sempre più un problema per la città di Bisignano. Lo sanno bene gli abitanti della zona Campo sportivo, che hanno firmato una petizione nelle ultime ore proprio per evidenziare lo stato di disagio vissuto a causa degli animali in mezzo alle strade. Con grossi pericoli, infatti, gli abitanti del Campo trovano i cani a ridosso delle loro abitazioni, impedendo anche ai commercianti di poter svolgere il loro lavoro in tutta tranquillità. Gli abitanti del Campo, così, si sono rivolti al Comune di Bisignano, chiedendo una volta per tutte la risoluzione del problema: «Vi è un continuo stato di degrado cittadino registrato nella nostra zona, testimoniato tra le altre cose dalla scarsa manutenzione e dalla vegetazione incolta, che permette così a molti cani randagi di trovare un sicuro rifugio. Gli animali randagi in cattività attaccano in branco gli altri animali domestici o d’allevamento degli abitanti della zona, creando anche ingenti danni economici agli stessi. I cani randagi, inoltre, sostano ormai ampiamente insieme a intere cucciolate quasi nei pressi di alcune abitazioni, rendendo difficile il transito quotidiano nonché quello notturno in luoghi scarsamente illuminati». E ancora: «L’ampia densità della popolazione comprende un discreto numero di anziani e bambini, i più indifesi agli attacchi dei randagi. Il problema, a conti fatti, attraversa la cittadinanza tutta da più di un anno e nessun provvedimento è stato effettivamente attuato per la risoluzione definitiva del problema (o, se attuato, si è rivelato comunque inefficace)». I cittadini del Campo ora vogliono risposte concrete: «Al Comune di Bisignano, agli uffici competenti e a tutti gli organi preposti ci rivolgiamo, attraverso le loro specifiche abilità, per risolvere definitivamente il problema del randagismo, attraverso le modalità previste per la salvaguardia degli abitanti di Bisignano».

Masman